Il re e la regina di Spagna presiedono la consegna dei Premi della Stampa

9 febbraio 2021

Sua Maestà il re Felipe VI e la regina Letizia di Spagna hanno presieduto la cerimonia dei premi giornalistici della Associazione della stampa di Madrid (APM) per gli anni 2019 e 2020. 

Le condizioni imposte dalla crisi sanitaria hanno costretto l'APM a posticipare la sentenza dell'edizione 2019, quindi si è dovuto assegnare congiuntamente al 2020 e pertanto sono stati assegnati doppi premi in tutte le categorie, ad eccezione del Premio Onorario.

Il re Felipe e la regina Letizia hanno consegnato i premi ai giornalisti Francisco Giménez-Alemán, Carlos Franganillo, Carlos Alsina , Clara Jiménez Cruz, Jaime Santirso, Constantino Mediavilla, Fernando Peinado, Elena Jiménez, Laura Galaup e Manuel Rico. L'evento si è svolto presso il palazzo Cibele di Madrid.

Il Premio onorario APM è stato assegnato in riconoscimento di una vita professionale, a Francisco Giménez-Alemán, ex direttore di ABC Sevilla e ABC ed ex direttore generale di Radio Televisión Madrid,  come "un esempio di integrità, lealtà e rigore".

Nel suo discorso Re Felipe ha citato la difficile situazione economica che ha ridotto le fonti di finanziamento pubblicitario, la precarietà del lavoro, nonché la costante evoluzione tecnologica che condiziona il modello di business e la professione.

Il Re Felipe ha poi detto che i progressi tecnologici hanno colpito il settore che hanno costretti i giornalisti ad adattarsi ad un nuovo modo di fare giornalismo, aggiungendo che comunque il giornalismo continua ad avere la nobile missione di servire la verità e di trasmettere i fatti. 

Il Sovrano ha poi detto che l'esercizio del giornalismo in libertà è inerente alla democrazia, e che in Spagna ci sono ottimi professionisti che hanno contribuito a rafforzare le istituzioni destinate a servire tutti gli spagnoli.

Infine il Re Felipe ha detto che senza libertà di espressione e informazione non c'è democrazia.