Filippo di Spagna si è recato a Buenos Aires (Argentina) per difendere la candidatura olimpica di Madrid alle Olimpiadi 2020

4 settembre 2013

Il Principe delle Asturie, erede al trono di Spagna, è arrivato a Buenos Aires, a capo della delegazione spagnola per difendere la candidatura della città di Madrid ad ospitare le Olimpiadi e Paralimpici del 2020.

Felipe incontrerà diversi membri del CIO, cercando di raccogliere più voti possibili per la vittoria di Madrid .

Sua Altezza Reale, che era un atleta e portabandiera della squadra spagnola ai Giochi Olimpici di Barcellona 1992, fa parte della delegazione, che comprende Alejandro Blanco e il sindaco Ana Botella.

Il Presidente del Comitato Olimpico Spagnolo (COE) Alejandro Blanco ha detto :
"Era il portabandiera della Spagna alle Olimpiadi di Barcellona 1992 e ora sta portando la bandiera per il futuro della Spagna. E' stato uno sportivo ed è senza dubbio la luce splendente che guiderà la vittoria di Madrid e ci aiuterà a distinguerci dagli altri. 
Le parole non possono esprimere quello che il principe ha fatto per l'offerta e per la Spagna. A nostro avviso è un grande onore che Lui voglia condividere con noi questi momenti indimenticabili, come un altro membro del nostro team".

Il principe Felipe ha sottolineato il fatto che Madrid 2020 ha una "magnifica opportunità" per assicurare la vittoria, aggiungendo che le sue possibilità di successo rappresentato l'occasione per il movimento olimpico nel suo complesso, in quanto aprirebbe la strada ad ulteriori progetti realistici e sostenibili.

La principessa Letizia accompagnata da diverse personalità, si unirà al marito il 5 settembre.

Le città che sono in competizione per le Olimpiadi 2020 sono Madrid, Istanbul e Tokyo.
Il Comitato Olimpico farà la sua decisione Sabato 7 settembre.

Ricordo che il Principe Felipe delle Asturie era andato alla sede del Comitato Olimpico Internazionale di Losanna, in Svizzera, per partecipare alla presentazione delle città candidate ai Giochi Olimpici estivi 2020.

VIDEO


LINK
madrid2020