Il principe ereditario del Belgio, Filippo, e la principessa Matilde sono andati negli Emirati Arabi Uniti. Sono arrivati separatamente, Filippo proveniente dall'Arabia Saudita e Mathilde dal Belgio. I due principi hanno programmi diversi negli Emirati Arabi Uniti, ma lo scopo principale è quello di rafforzare i legami tra i due paesi.

Prima tappa è stata Abu Dhabi, dove Mathilde ha incontrato il presidente del Family Development Foundation e presidente dell'Unione delle Donne generale, Sheikha Fatima bint Mubarak.
Hanno discusso su questioni legate alle donne e come negli Emirati Arabi Uniti le donne stanno lavorando per lo sviluppo del loro paese. Mathilde ha elogiato la Sheikha per le sue opere.

In seguito, la principessa reale è andata nel collegio femminile di Abu Dhabi, dove ha incontrato gli studenti e gli educatori. Mathilde ha lodato il collegio per i suoi elevati standard e l'amore degli studenti all'apprendimento.

Nel frattempo, il principe ereditario Philippe ha avuto l'incontro con il ministro della Salute, Hanif Hassan. Con lui c'era una delegazione belga composto da rappresentanti degli investimenti sul commercio, servizi pubblici, imprese e media, ed anche per avere un'idea su come gli Emirati Arabi Uniti si sta sviluppando nei settori sanitari.

Filippo ha anche incontrato il ministro del Commercio estero Sheikha Lubna Al Qasimi, con il quale ha discusso ulteriormente di investimenti del Belgio con gli Emirati Arabi Uniti. Sheikha Lubna ha incoraggiato la delegazione belga a lavorare con il suo paese.

Successivamente, la coppia corona principesca ha incontrato il Ministro dell'istruzione superiore e della ricerca scientifica, lo sceicco Nahyan bin Mubarak Al Nahyan. Il principe ereditario Filippo e lo sceicco hanno stretto legami bilaterali.

Giovedi, la coppia si è trasferita a Dubai, dove sono stati accolti dallo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, che è al tempo stesso sovrano di Dubai e Vice Presidente degli EAU.

Link
Nahyan receives Prince Philippe and Princess Mathilde of Belgium

ADMAF celebrates cultural dialogue with stunning operatic performance