Il principe ereditario dell'Iran sostiene una campagna di "disobbedienza civile e senza violenza" per rovesciare il governo di Teheran ed ha sollecitato il sostegno occidentale ad aiutare gli iraniani ma mette in guardia contro ogni intervento armato.

"Non ci sarà cambiamento senza il sostegno straniero, ma non vedo come la occupazione possa mai essere legittima."
Il figlio dello Scià ha aggiunto: "Il cambiamento deve venire in Iran con disobbedienza civile e senza violenza. Non possiamo avere il cambiamento a tutti i costi ... ciò accadrà solo con la volontà del popolo".

Pahlavi lasciò l'Iran un anno prima che suo padre, Shah Mohammad Reza, fu espulso durante la rivoluzione islamica del 1979, e ha vissuto negli Stati Uniti dal 1984.

Al Telegraph ha detto che ci sono state molte proteste per le strade di Teheran, cioè esistono gli ingredienti per il cambiamento, si è raggiunto quasi il punto di ebollizione, nonostante i tentativi del regime di reprimerle.

Ed egli ha sostenuto che solo la pressione interna avrebbe bloccato il presidente Mahmoud Ahmadinejad sul programma nucleare iraniano, tanto temuto dalle potenze occidentali perchè permetterebbe la realizzazione di armi nucleari.

Tuttavia, ha detto che la comunità internazionale deve mostrare il suo sostegno ai manifestanti che sfidano il regime di Ahmadinejad.
"Se si sventola cartelli in lingua inglese per le strade di Teheran non è per dimostrare le proprie competenze linguistiche, è per lasciare un messaggio al mondo esterno", ha detto.

Il Principe ha detto che se le sanzioni Onu non possono essere accettate, le sanzioni multilaterali devono essere imposti, aggiungendo: "Abbiamo bisogno di sanzioni intelligenti per indebolire il regime e il suo apparato senza danneggiare il popolo iraniano".

Link
Shah's son backs civil disobedience in Iran