I primi rituali per l'abdicazione dell'imperatore Akihito del Giappone 

12 marzo 2019

Prima della sua abdicazione, prevista il 30 aprile, l'Imperatore Akihito ha iniziato una serie di rituali che precedono questo storico evento.

Sua Maestà Imperiale l'imperatore Akihito del Giappone ha visitato i tre santuari imperiali Kashikodokoro, Koreiden e Shinden, che sono un gruppo di strutture nel recinto del Palazzo Imperiale di Tokyo, per comunicare agli antenati la sua intenzione di abdicare.

Kashiko-dokoro è il santuario centrale che rappresenta l'antenata mitologica della Famiglia Imperiale, Amaterasu.
Kōrei-den è il Santuario degli spiriti ancestrali, che custodisce gli spiriti defunti della Famiglia Imperiale da un anno dopo la loro morte.
Shin-den è il Santuario del Kami, che racchiude l' Amatsukami di Takama-ga-hara e il Kunitsukami della mitologia giapponese .

La prima cerimonia ha avuto luogo presso il Santuario imperiale Kashikodokoro, dove l'imperatore Akihito si è inchinato, per leggere una lettera per annunciare la sua abdicazione verso la dea del sole Amaterasu-omikami che è custodita a Kashikodokoro.

Altri riti sono stati eseguiti negli altri due santuari, che si terranno di nuovo durante il giorno dell'abdicazione.

L'imperatore Akihito abdicherà il 30 aprile e suo figlio, il principe ereditario Naruhito salirà al trono il giorno seguente per diventare il nuovo imperatore del Giappone.

Dopo la sua abdicazione, l'imperatore Akihito sarà conosciuto come Imperatore Emerito e sua moglie Michiko, l'imperatrice Emerita.