Il presidente francese François Hollande incontra il re Abdullah II di Giordania all'Eliseo, Parigi.

3 luglio 2012

Al suo arrivo all'Eliseo, Sua Maestà Abdullah II è stato accolto con un ricevimento ufficiale, ed dopo aver passato in rassegna una guardia d'onore, ha incontrato il presidente francese François Hollande.

Il re di Giordania Abdullah II è in visita di un giorno a Parigi, da solo senza la Regina Rania, per rafforzare i legami tra la Francia e la Giordania.


Il Re Abdullah si è congratulato con il nuovo presidente francese per la sua vittoria elettorale, ed ha sottolineato il ruolo internazionale della Francia come un importante stato chiave europeo nella ricerca di una soluzione equa della questione palestinese.
Il Re di Giordania ha chiesto di intensificare gli sforzi per aiutare i palestinesi e Israele a tornare ai negoziati per risolvere le questioni relative allo creazione di uno stato indipendente palestinese accanto a Israele per la in pace e sicurezza, come previsto dalle risoluzioni internazionali.

Per quanto riguarda la Siria, il Re di Giordania è preoccupato per l'escalation e la crescente della violenza e le sue ripercussioni nel mediorientale.

Il re e Hollande hanno anche discusso sull'impatto della rivoluzione primavera araba sulle sfide future ed economiche della regione, e il Re ha sottolineato che le rivolte dovrebbero essere sfruttate per ottenere un risultato positivo per il popolo.

Hollande ha sottolineato la profonda amicizia tra la Francia e la Giordania, esprimendo il suo desiderio di migliorare ulteriormente la collaborazione in campo politico, economico, accademico, scientifico e culturale.

Ha detto di aver apprezzato la risposta della Giordania alle esigenze del suo popolo nonostante le condizioni al contorno, esprimendo il suo appoggio al Regno di Giordania per rafforzare il suo ruolo strategico nella regione e le prospettive per raggiungere la pace e la stabilità.

King holds talks with French leaders