Alberto II e Charlene di Monaco sono stati ricevuti dal Papa Benedetto XVI al Vaticano

12 gennaio 2013

Alberto II e Charlene sono stati ricevuti in udienza privata dal Santo Padre Benedetto XVI nella sua biblioteca privata del Vaticano.
Il colloquio è durato 15 minuti e conversando in francese il Papa ha tra l'altro lodato le capacità sportive della principessa nel campo del nuoto.

Alberto era già stato ricevuto nel '97 da Giovanni Paolo II e nel 2005 e nel 2009 da Benedetto XVI.
La prima visita di principi di Monaco a un Papa in epoca moderna risale al '57, quando Ranieri e Grace di Monaco, genitori del principe Alberto, furono ricevuti da Pio XII.

In perfetta consonanza con quanto prevede il cerimoniale vaticano per le regine cattoliche, la principessa vestiva di bianco: un tailleur lungo con velo e soprabito di pizzo, mentre Alberto indossava un abito blu.

I principi monegaschi hanno offerto in dono a Benedetto XVI un libro e un quadro dedicati a un loro antenato, il cardinale Jerome Grimaldi, vissuto tra Cinquecento e Seicento e che il Papa ha mostrato di conoscere.
Il Pontefice ha ricambiato con una sanguigna che raffigura un progetto mai realizzato della basilica di San Pietro. «Ravissant», ha commentato il principe ricevendo il dono.
Al momento del congedo i principi e il Papa si sono rinnovati gli auguri di Buon Anno.

In seguito, il principe ha incontrato il Cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato, e monsignore Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati.
Nel corso dei colloqui sono stati affrontati alcuni temi di attualità come lo sviluppo integrale dei popoli e la protezione delle risorse naturali e dell'ambiente.