Il parlamento algerino ha approvato una legge di modifica della Costituzione che, elimina il limite di due mandati per il presidente della repubblica. Grazie a questa modifica l’attuale capo dello stato Abdelaziz Bouteflika, in carica dal 1999, pone una sicura ipoteca sulla sua rielezione.

Quello che avviene in Algeria non è un caso isolato, e non è solo un allineamento ad altre repubbliche africane, piuttosto la carica di presidente a vita succede in molte repubbliche in tutto il mondo.
Ecco alcuni esempi:
- In Tunisia dine Zine el Abi Ben Ali è al potere dal 1987
- l’Egitto dal 1981 è guidato da Hosni Mubarak.
- la Libia con Muammar Gheddafi è presidente dal 1969
- nello Yemen Alì Abdallah Saleh presidente dal 1978
- in Siria la famiglia Assad è al potere dal 1971 (prima il padre Hafez e ora il figlio Bashir)
- Korea del Nord (Kim Il Sung 1948-1994, Kim Jong II dal 1994)
- a Cuba Fidel Castro dal 1976 al 2008 (adesso il fratello Raúl Castro)
...
Anche negli Stati Uniti d'America i presidenti passano da padre a figlio (Kennedy, Bush ... dal marito alla moglie con Clinton?)

Visto che in molte repubbliche la carica dei presidenti va ben oltre il periodo del mandato (in genere 5 anni), questa tendenza dovrebbe far riflettere.
Già so l'immediata replica di un repubblicano : sempre meglio un presidente a vita piuttosto che un Re a vita.
Non è la stessa cosa.
In una Monarchia il sovrano regna e non governa e quindi un Re eventualmente non adatto, in ogni caso, non danneggia il resto del sistema.
Al contrario in una repubblica un presidente corrotto o incapace porta dei danni irreversibile a tutto lo stato in quanto il presidente è il punto di riferimento di tutto il mondo politico.

Inoltre le monarchie si adattano ai cambiamenti della società, rimanendo sempre stati democratici, invece gli ordinamenti repubblicani involvono ripiegandosi alla presidenza a vita per poi diventare delle dittature.

Insomma, la Monarchia è sempre preferibile alla repubblica!!!

Così anche la repubblica algerina si allontana dalla democrazia

Per l’Algeria è un grande passo indietro, mentre per il suo presidente, Abdelaziz Bouteflika, è indubbiamente un successo. Ieri il Parlamento di Algeri ha adottato la revisione dell’articolo 74 della Costituzione, che pone il limite di due mandati per l’elezione del capo dello Stato. Bouteflika, dal 1999 alla guida del paese, potrà quindi ripresentarsi per la terza volta il prossimo aprile, quando in Algeria si svolgeranno le presidenziali.

L’emendamento è passato con 500 voti a favore su 529. Otto gli astenuti e ventuno i contrari, tutti membri di partiti d’opposizione.Ma se Bouteflika pone una sicura ipoteca sulla sua rielezione, per l’ordinamento politico algerino è una grave involuzione. L’Algeria si è allineata alle altre repubbliche del nord Africa, dove la carica di presidente è ‘a vita’.
Basta guardare i numeri: in Tunisia Zine el Abidine Ben Ali è al potere dal 1987, mentre l’Egitto dal 1981 è guidato da Hosni Mubarak. E’ la Libia però a detenere il record, con Muammar Gheddafi ‘presidente’ dal 1969.

Nel resto del mondo arabo non va meglio, come nello Yemen di Alì Abdallah Saleh (in carica dal 1978) e in Siria con gli Assad al potere dal 1971, prima il padre Hafez e ora il figlio Bashir.
L’Algeria è l’ultimo esempio di quello che preoccupa gli esperti mediorientali: mentre le monarchie compiono piccoli passi verso la democrazia (si pensi ad alcuni regni del Golfo Persico che hanno introdotto il suffragio universale), gli ordinamenti repubblicani involvono ripiegandosi sulla presidenza a vita.

ilfoglio