Queste ultime dichiarazioni di berlusconi dimostrano un fatto incontestabile, cioe’ che la repubblica e’ un sistema che divide gli italiani.

Se berlusconi si lamenta delle interferenze politiche che ha dovuto subire anche da parte dei presidenti della repubblica, si deve anche avere il coraggio di dire che i conflitti tra le massime cariche dello stato sono alimentate dalla repubblica, in quanto anche il presidente della repubblica e' un politico e quindi di parte.

Inoltre si deve capire che qualsiasi dichiarazioni o azioni dei presidenti della repubblica, anche quelle banali o "giuste", sono sempre criticabili perche' sono espressioni di una persona che appunto e' di parte.

Non puo' esistere un presidente della repubblica di tutti gli italiani.
Come si sa, il pesce comincia a puzzare sempre dalla testa.


BERLUSCONI, AVRO' CONTRO LE ISTITUZIONI

Ci sono da fare tante, troppe cose per un governo che avra' contro molto, se non tutto, il sistema istituzionale italiano: credo che la prima cosa da cambiare sara' la nostra architettura istituzionale".
Il leader del Pdl, Silvio Berlusconi intervenendo alla Confapi critica il fatto che "oggi il premier ha il potere solo di stendere l'ordine del giorno del Consiglio dei ministri ma non puo' dimissionare un ministro".
Il Cavaliere torna anche a denunciare che l'attuale legge elettorale, realizzata dal centrodestra, fu cambiata "per un'interpretazione dubbia del Quirinale" polemizzando cosi' con l'intervento dell'allora Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. I
n particolare riguardo l'attribuzione su base regionale del premio di maggioranza al Senato, Berlusconi dice: "per una interpretazione dubbia del Quirinale fummo costretti a cambiare quel sistema".

Anche oggi il numero uno del Pdl torna a parlare del timore di brogli sottolineando la necessita' "di uno spoglio scheda per scheda" e osservando come esista "una circolare del ministero dell'Interno che dice che chi non fa lo spoglio scheda per scheda e' passibile del carcere da 3 a 6 mesi".
Per il Cavaliere senza brogli "credo potremo avere la vittoria con due premi di maggioranza sia alla Camera che al Senato e ci serve questa vasta maggioranza perche' la situazione economica e' difficile".
Berlusconi non risparmia una stoccata al leader del Pd e ricorda che "Walter Veltroni ha lasciato nove miliardi di debito come amministrazione comunale e per quanto riguarda le consulenze le ha fatte passare da 30 a 130 milioni, con un aumento del 243%. A Roma lascia un disastro!".
Altra stoccata a Pier Ferdinando Casini che ha scelto di correre da solo e non con la Cdl. "Non e' stata una scelta politica, ma ha prevalso -sostiene Berlusconi- l'ambizione personale. Forse l'Udc e' l'unica forza che puo' superare la soglia del 4% alla Camera, ma sicuramente al Senato non e' in grado di superare lo sbarramento dell'8%".
(AGI) - Roma, 4 apr. –

agi