I brogli sono una costante realtà inquietante della repubblica italiana .

La riammissione della DC di Pizza alle elezioni e le seguenti dichiarazioni scoprono una inquietante realtà sempre tacciata dal regime repubblicano.

Dopo la rinuncia di Pizza a chiedere il rinvio delle elezioni sembrava che tutto fosse risolto ma non è per nulla così.
Il segretario della Dc è di nuovo sul piede di guerra e in una conferenza stampa parla di un piano per far saltare il voto, accusando il ministro dell'Interno di non svolgere correttamente i suoi compiti.

Anche Berlusconi ricorre ai toni forti lanciando l'allarme-brogli.

A queso punto è impossibile non ricordare il referendum istituzionale monarchia-repubblica del 1946, i cui risultati sono stati considerati falsati. (non solo dai monarchici)
Il grave è che i brogli non appartengono solo al passato lontano (1946), ma sono avvenuti nelle elezioni politiche recenti, e continuano ad esistere per le prossime elezioni del 13-14 aprile 2008.

A questo punto, secondo me, la repubblica è o complice dei brogli o è incapace di eliminarli.


Dc attacca Amato, Pdl lancia allarme brogli

C'è un accordo sotterraneo per far saltare il voto'

Il Viminale alla Dc: fino alla Cassazione no al simbolo nelle schede

Elezioni, Dc: "Amato
è inadempiente"


C'è un piano per far saltare le elezioni

Caso Pizza, Viminale chiede a Dc di aspettare fino all’8 aprile

C'è un piano per far saltare il voto