Per il caso di Eluana Englaro cerco di non farmi coinvolgere da tematiche più importanti e serie, come quelle legate alla religione e che toccano il senso stesso della vita, e questo non perchè non mi interessano ma al contrario perchè mi turbano troppo ed anche perchè mi rendo conto di non poterle affrontare in maniera adeguata.
In fondo la vita e la morte toccano in profondità la coscenza di tutti gli uomini ed ognuno di noi, in umiltà ed in libertà, devono cercare di trovare la propria risposta.

Anche se non è facile dimenticare la drammatica e dolorosa vita della povera Eluana Englaro, sposto l'attenzione sul piano politico.

E' evidente che anche il caso di Eluana Englaro si è trasformato in una guerra fra la magistratura e la politica, tra i partiti e tra le istituzioni.
D'altronde in italia tutto ormai viene inglobato e digerito dalle numerose caste della repubblica, le quale appunto stanno distruggendo il nostro Paese.

Con sgomento mi rendo conto che il corpo di Eluana ormai è un oggetto conteso dalla magistratura e dalla politica; ricevuta la benedizione della magistratura il corpo vivente di Eluana è stato spostato verso la Clinica “La Quiete” per eseguire la sentenza, poche ore dopo la politica risponde con un decreto che vieta lo stop all'idratazione e all'alimentazione.
Anche questa volta il caos repubblicano trionfa...

Da una parte ci troviamo di fronte ad una magistratura, che anziché preoccuparsi di far rispettare le leggi, le vuole fare. Il partito dei giudici con toni perentori ed arroganti ha spesso affermato che le loro sentenze non si giudicano, non si criticano, si eseguono e basta.
Dall'altra parte abbiamo una politica inconcludente e che spesso arriva in ritardo, ma soprattutto non all'altezza di risolvere i problemi dei cittadini e della società.

Ecco quindi che, a secondo a quale fazione uno appartiene, ci sono coloro che affermano che si devono rispettare le sentenze, altri invece che credono nella superiorità del potere legislativo.

Oltre al fatto che la repubblica italiana è una oligarchia autoreferenziale, piena di privilegi e lontana dai cittadini, è veramente sconvolgente e terribile registrare che addirittura la vita e la morte sono regolarizzate da questa politica, da questo stato o da questa magistratura.

Se questo è vero, non viviamo forse in un regime ?