Con l'entrata in scena del "Movimento per la sinistra", a capo del governatore Vendola, e del "Io Sud", di Adriana Poli Bortone, presto la regione puglia aumenterà il numero di gruppi consiliari, ben 22, un record assoluto per la repubblica italiana.

E questo non basta, perchè si deve aggiungere che otto di questi consiglieri rappresentano solo se stessi.

Questa moltiplicazione delle poltrone avviene per non rinunciare alla lauta indennità intascata da chi veste i panni di capogruppo. In puglia lo stipendio di un capogruppo ammonta a 11mila 237 euro a cui vanno ad aggiungersi rimborsi per 6mila 266 euro.

Nessuno che protesta, nessuna opposizione.
I politici, da veri attori, eseguono il copione che consiste nel far finta davanti alla telecamere di litigare tra loro o di impegnarsi per il bene comune ma quando ci sono di mezzo i loro interessi sono tutti uguali : Ladri!

Neanche in periodo di crisi la casta dei politici è in grado di mettere un freno all'appetito insaziabile di arricchirsi.

L'oligarchia repubblicana non ha limite.
Italiani reagiamo, mandiamoli a casa tutti !!

Gruppi regionali, record nazionale
Sono 21, in arrivo quello della Poli. E otto hanno un solo consigliere

La Puglia allunga il passo. E al diavolo chi punta l´indice sulla casta cinica e bara. Tra le regioni italiane già era quella che aveva il maggior numero di gruppi consiliari: 20. Da martedì, sono 21. Un primato assoluto. Entra in scena il Movimento per la sinistra che fa capo al governatore Vendola e che può contare su quattro consiglieri, compresi lo stesso presidente e l´assessore all´Ecologia Losappio. Il nuovo capogruppo di Rifondazione comunista invece è Pietro Manni, che sarà affiancato da Pietro Mita.

Ma la performance potrebbe addirittura essere ancora migliorata giacché da un momento all´altro vedrebbe la luce il gruppo numero 22: "Io Sud", di Adriana Poli Bortone, che ingaggerebbe due esponenti del Misto, Salinari e Tagliente, e dal Pd, recluterebbe il riformista Stefàno.

Sarà difficile, se non impossibile, fare meglio per le regioni dirette inseguitrici: il Lazio, dove di gruppi ne allineano 19; la Lombardia e il Piemonte, che si fermano tutte e due a 18.
Anche se il record in salsa pugliese potrebbe essere facilmente cancellato qualora le ragioni del portafoglio seguissero quelle politiche. Ma non accadrà che i gruppi si riducano a 9, quanti dovrebbero essere nel caso in cui Pdl e Pd stabilissero di esorcizzare gli inganni. La Puglia precipiterebbe, virtuosamente, al penultimo posto in classifica: preceduta dalla Valle d´Aosta (7), ma prima della provincia autonoma di Bolzano, del Friuli Venezia Giulia, dell´Umbria e della Toscana (10).

Succede piuttosto che il principale partito di centrodestra è diviso in sette gruppi (An, Fi, Democrazia cristiana, Movimento per l´autonomia, Puglia prima di tutto, Nuovo Psi, Udeur) e i Democratici, in cinque (Ds, Margherita, Psdi, Socialisti autonomisti, Primavera pugliese).
Così come è bizzarro che dei 21 gruppi schierati al nastro di partenza, otto sono di consiglieri che rappresentano solo se stessi. E quattro addirittura, non esistono più da quando nel 2005 erano state celebrate le elezioni regionali: il Psdi (Cioce passa al Pd), la Primavera pugliese di Enzo Divella (Giampaolo traghetta nell´Udc e Pentassuglia nel Pd), l´Italia dei valori (Bonasora gioca con la maglia del Pd), i Verdi (Lomelo è assessore alla Pubblica istruzione).


Ma tant´è: la nave va. Qual è il trucco? Non rinunciare alla lauta indennità intascata da chi veste i panni di capogruppo, perfino se c´è il capo, ma non il gruppo. Da queste parti ammonta a 11mila 237 euro: 4mila 971 è il netto, a cui vanno ad aggiungersi rimborsi per 6mila 266 euro. Se i generali senza esercito dovessero recitare esclusivamente il ruolo di soldati semplici, si fermerebbero a quota 10mila 432 euro: 805 in meno.

Dunque, la paura (d´impoverirsi) fa 21. E´, questo, l´ultimo miglior risultato che salta fuori. Nella gara a proposito della composizione dei consigli regionali, il tacco d´Italia non era riuscito ad andare al di là del terzo posto con settanta uomini politici eletti dal popolo sovrano, uno ogni 58mila abitanti. Nel Lazio, che di consiglieri ne ha 71, sono uno ogni 74mila. E in Lombardia (80) sono uno ogni 118mila.

larepubblica