64° anniversario della scomparsa della Regina Elena d'Italia

28 novembre 1952

Elena è nata a Cettigne (Montenegro), l'8 gennaio 1873, e morta a Montpellier (Francia), il 28 novembre 1952.

Elena è la seconda Regina d'Italia, consorte di Vittorio Emanuele III e madre di Umberto II.

Il matrimonio tra Elena e Vittorio Emanuele di Savoia fu celebrato il 24 ottobre 1896, la cerimonia civile si tenne al Quirinale, mentre quella religiosa nella Basilica Santa Maria degli Angeli.


La coppia reale ha avuto 5 figli:

  1. Iolanda Margherita (1901 - 1986)
  2. Mafalda Maria Elisabetta  (1902 - 1944)
  3. Umberto (1904 - 1983)
  4. Giovanna  (1907 - 2000)
  5. Maria Francesca (1914 - 2001)


Quando Reggio Calabria e Messina furono colpite da un disastroso terremoto e maremoto (28 dicembre 1908), la regina Elena si dedicò subito ai soccorsi.
Durante la prima guerra mondiale Elena fece l'infermiera a tempo pieno e, con l'aiuto della Regina Madre, trasformò in ospedali il Quirinale e la Villa Margherita.
Elena studiò medicina e ne ebbe la laurea honoris causa, e finanziò numerose opere benefiche.
Papa Pio XI il 15 aprile 1937 le conferì la Rosa d'oro della Cristianità, la più importante onorificenza possibile a quei tempi per una donna da parte della Chiesa cattolica.

Dopo l'abdicazione (9 maggio del 1946) di Vittorio Emanuele III a favore del figlio Umberto, Elena con suo marito andò in esilio in Egitto.
Tre anni dopo la morte di Vittorio Emanuele III, si scoprì malata di cancro e si trasferì in Francia a Montpellier. Dopo un difficile intervento chirurgico nella clinica di Saint Cóm, morì il 28 novembre.
Elena fu sepolta, come suo desiderio, in una comune tomba del cimitero di Montpellier.

Siamo sempre in attesa che la Regina Elena, insieme a Vittorio Emanuelle III, Maria José e Umberto II, possa trovare degna sepoltura al Pantheon di Roma.