Riporto qui il testo di un documento pubblicato nel sito del Movimento Monarchico Italiano relativo all'incontro tra la delegazione del governo italiano ed il principe Vittorio Emanuele di Savoia il 18 novembre 2002.

il documento riservato

dell'incontro tra la delegazione del Governo Italiano ed il Principe Vittorio Emanuele
(con l'impegno a ritirare il ricorso alla Corte di Strasburgo)

PROCESSO VERBALE
INCONTRO TRA LA DELEGAZIONE DEL GOVERNO ITALIANO ED IL PRINCIPE VITTORIO EMANUELE DI SAVOIA

(tra parentesi le correzione suggerite a mano nel documento originale; ndr)

In data 18 novembre 2002 si è avuto a Ginevra un incontro tra la delegazione del Governo itaiano, composta dall'Ambasciatore Giovanni Castellaneta e dal professore Umberto Leanza, ed il Principe Vittorio Emanuele di Savoia (e suo figlio Emanuele Filiberto di Savoia), al fine di definire al meglio il quadro del rientro del Principe e della sua famiglia in Italia, e seguito degli avvenuti adempimenti da parte del Parlamento e dal Governo Italiano, consistenti nella cessazione degli effetti dei commi 1 e 2 della Disposizione XIII transitoria e finale della Costituzione e nel ritiro della dichiarazione inetrpretativa al Protocollo n.4 alla Convenzione europea sui diritti umani.

Per garantire le migliori condizioni del rientro si è convenuto quanto segue:

Il Governo italiano si impegna a:
- assicurare al Principe ed alla sua famiglia la tutela di sicurezza del loro soggiorno in Italia conseguente al rientro;
- predisporre un incontro del Principe e della sua famiglia con il Presidente del Consiglio dei Ministri;
- porre a disposizione del Principe e della sua famiglia, a titolo di riconoscimento morale, (per il periodo trascorso al di fuori del territorio dello stato) alcune beni di accertata precedente appartenza dei Savoia secondo intese da assumere successivamente al rientro.

Da parte sua il Principe si impegna a :
- adempiere prima del rientro, come in precedenza da Lui dichiarato, alla rinuncia definitiva al ricorso innanzi alla Corte Europea dei diritti umani
- effettuare il primo rientro a Roma, con mezzi propri per via aerea, in data concordata;
- tenere informato il Governo circa i successivi spostamenti sul territorio nazionale ai fini di un migliore tutela di sicurezza.

Fatto a Ginevra, li 18 novembre 2002

(nella nuova versione, i termini "Principe e la sua famiglia", saranno sostituiti dai termini:"Principe e i suoi eredi")

Da questo documento si vede che il Governo Italiano si era impegnato a fare alcune cose, tra le quali :
porre a disposizione del Principe e della sua famiglia, a titolo di riconoscimento morale, (per il periodo trascorso al di fuori del territorio dello stato) alcune beni di accertata precedente appartenza dei Savoia secondo intese da assumere successivamente al rientro.

Dopo 5 anni dal rientro in Italia dei Principi di Savoia la repubblica non ha fatto nulla per cercare di trovare intese o stabilire incontri per chiarire ed individuare alcuni beni (di accerta appartenza alla famiglia) da ridare ai Savoia (come si era impegnato).

Quindi è assurdo questo vespaio, queste violente dichiarazioni da parte dei massmedia e politici, sono solo chiacchiere e strumentalizzazioni populistiche.
Evidentemente la propaganda repubblicana vuole stordire ed influenzare le coscienze e le idee degli italiani.

In un paese veramente libero e democratico lo Stato non dovrebbe utilizzare in maniera violenta la sua forza, quando la propaganda è esagerata, quando la verità è a senso unico la democrazia è a rischio.
Ad esempio nel Regno Unito, dove la stragrande maggioranza degli inglesi sono orgogliosi della Monarchia ed amano la Regina Elisabetta II ( più di quanto gli italiani amano la repubblica e napolitano), c'è ampio spazio per coloro che invece criticano, anche violentemente, la Famiglia Reale.
In Italia invece la repubblica impedisce ai monarchici e a coloro che solo rispettano i Savoia, di difendere la Monarchia e di esprimere le loro opinioni.
Si parla di par condicio, ma per la repubblica questo principio non vale per i monarchici ed i Savoia, mi sembra chiaro che si vuole tappare la bocca a qualcuno.

Inoltre è preoccupante ed inquietante notare che i massmedia non pubblicano documenti o fatti oggettivi (questo è solo un esempio) utili ai Savoia per tutelare le loro ragioni ed immagine.

Perchè nessuno scrive o dice che, in effetti, finora lo Stato repubblicano non ha rispettato ciò che si era impegnato a fare nei confronti dei Savoia?
Ci sono due cosa oggettivi:
- in uno stato democratico, e che si definisce di diritto, tutti i cittadini possono denunciare lo stato, quindi anche i Savoia.
- che si devono affrontare e risolvere i problemi legati all'esilio.

Ovviamente c'è modo e modo di affrontarli e risolverli e poi si deve accettare le conseguenze, anche se non fanno comodo.
Finora la repubblica con arroganza non fa mai autocritica e si considera intoccabile.
Evidentemente questo è un brutto segno perchè significa che la repubblica che si dichiara democratica, in effetti, non lo è completamente.
PS. e non solo per questo motivo.