Ennesimo scontro tra il parlamento ed il presidente della repubblica.

La riforma del sistema televisivo, proposta dal centrosinistra, ha provocato l'ira del centrodestra, che non ha risparmiato il capo dello Stato.

Cicchitto ha detto : "la cosa più sbagliata è quella di lanciare il sasso e di nascondere la mano".
Schifani : "Quello dei Quirinale è un atto politico. Il nuovo richiamo è una evidente affermazione critica nei confronti della legge vigente e che i problemi di libertà e pluralismo sussistano è quindi una dichiarazione politica"

Ma come si fa pensare che le dichiarazioni di un presidente della repubblica non siano atti politici.

Ma non solo, Napolitano è un ex-dirigente del partito PCI/DS, comunista doc, che ha fatto carriera all'interno dell'apparato comunista.

In una repubblica non esiste un capo di stato superpartes.

Nota del Quirinale dopo le critiche della Casa delle Libertà
Scontro Quirinale-Cdl sulla riforma tv
Il comunicato esprime «stupore per alcune dichiarazioni rilasciate da esponenti dell'opposizione»

ROMA - E' scontro tra la Casa delle Libertà e il Qurinale sulla riforma del sistema delle tv. Non si fermano infatti le polemiche sul disegno di legge Gentiloni, che anzi coinvolgono il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, accusato da Forza Italia di aver espresso un giudizio «politico» sul provvedimento. Parole che provocano la ferma reazione del Colle che in una nota parla di «stupore» per le reazioni di «alcuni esponenti dell'opposizione».
Il primo ammonimento nei confronti del Colle è di Fabrizio Cicchito, vice coordinatore azzurro: le presidenze della Repubblica, della Camera e del Senato rimangano «fuori o al di sopra» dello scontro sul "Ddl Gentiloni" o saranno coinvolte nello «scontro politico assai duro» che ci sarà sulla riforma.

Anche Sandro Bondi sembra richiamare la terzeità delle istituzione tornando a battere il tasto della «occupazione delle più alte cariche dello Stato» da parte della maggioranza. L'ultimo affondo è di Renato Schifani, presidente dei senatori azzurri: «Che le più alte cariche dello Stato entrino all'unisono nel dibattito politico per dare sostegno al disegno di legge Gentiloni è un fatto grave».

LA NOTA DEL QUIRINALE -
La reazione del Quirinale non si fa attendere. La si legge in una nota: «Destano stupore alcune dichiarazioni rilasciate da esponenti dell'opposizione rispetto alla risposta data dal Presidente della Repubblica a una specifica domanda nel corso della conferenza stampa di venerdì a Londra. Il presidente Napolitano si è rigorosamente limitato a ribadire la giustezza dei principi affermati nel messaggio del presidente Ciampi al Parlamento sulla libertà e il pluralismo dell'informazione, esprimendosi "in termini generali", senza entrare in alcun modo nel merito del dibattito sul disegno di legge Gentiloni».
È quanto si legge in una nota della Presidenza della Repubblica. «E - continua il comunicato - dopo aver richiamato il messaggio del suo predecessore, il presidente della Repubblica ha rilevato che "ciascuna forza politica ne trae le conseguenze che crede».

ilcorrieredellasera