Sua Maestà il Re Carlo XVI Gustavo di Svezia pronuncia il suo Messaggio di Natale alla nazione

25 dicembre 2015

dal Kungliga Slottet a Stoccolma.

"Cari cittadini svedesi, in patria e all'estero!
Io, e la mia famiglia, vorremmo augurare a tutti voi un piacevole Natale. Quest'anno l'allegria del Natale è stata forse ancora più attesa del solito da molti di noi.

Non può essere sfuggito a nessuno che è stato un anno difficile per la Svezia e per la popolazione svedese. Le preoccupazioni globali hanno avuto un impatto anche su di noi che da molti anni non abbiamo vissuto. Per le feste dovremmo cogliere l'occasione per fare un passo indietro e riflettere sull'anno passato, per formulare le nostre speranze per il nuovo anno.



Ci sono 60 milioni di rifugiati nel mondo. Alcuni di loro sono venuti anche qui in Svezia a chiedere asilo e un futuro per sé e per i figli. Abbiamo un forte desiderio di aiutare le persone. Grandi sforzi sono stati fatti per aiutare coloro che cercano asilo e sicurezza.

In autunno ho incontrato alcuni giovani in un centro di asilo al di fuori di Östersund e sono stato accolto con entusiasmo e dalle loro aspirazione di fare del bene nel loro nuovo paese.

Insieme alla Regina ho visitato anche la Kronan School di Trollhättan. Una scuola primaria e secondaria inferiore svedese perfettamente in ordine con un parco giochi e con la frase "benvenuto" scritta a grandi lettere gialle all'ingresso. Sarei potuto andare in qualsiasi altra scuola svedese se non fosse per il terribile atto di violenza che si era verificato in questa stessa scuola alcune settimane prima. Delle candele in memoria delle vittime erano state accese presso il centro giovanile ricreativo.

Tra il dolore e oscurità è stato bello vedere come il personale lavora per ripristinare le cose per gli alunni. Per ripristinare un senso di normalità e di sicurezza, che è così prezioso, per bambini e adulti.

Poi, nel mese di novembre, 130 giovani hanno perso la vita in una serie di attacchi terroristici coordinati a Parigi. Questi attacchi ci hanno colpito profondamente, e ci hanno ricordato quanto siamo vulnerabili. L'apertura e la fiducia che ha caratterizzato la nostra società finora, non sempre sono scontati. Nemmeno qui in Svezia. Dobbiamo salvaguardare e difendere questi valori.

Senza dubbio, i nostri tempi sono colpiti dalle tenebre e disordini, ma questo è uno dei motivi per cui è così importante ricordare anche tutti gli aspetti positivi e dire che abbiamo buoni motivi per avere speranza e fiducia nel futuro.

Come capo della Svezia di Stato, visito molti luoghi sia in Svezia che oltre i confini del nostro paese, dove incontro molte persone provenienti da diversi percorsi di vita.

Durante lo scorso anno, per esempio, ho visitato diverse autorità che lavorano per consolidare la nostra pianificazione di emergenza in caso di incidenti e crisi. Ho visto un lavoro importante svolto dai Contingenti Civili Allarme e SOS. E' anche interessante vedere come la cooperazione internazionale ci sta portando allo scambio reciproco. Il Know-how svedese può salvare vite umane in altri paesi e siamo a sua volta in grado di imparare dalle conoscenze dalla esperienze altrui.

Durante l'anno ho anche incontrato molti imprenditori svedesi di talento che stanno creando nuovi posti di lavoro, in particolare attraverso innovazioni ambientali. Le persone dietro queste imprese hanno conoscenze estremamente varie che possono provenire da Västerås, da Gnosjö o dal Pakistan. Tuttavia, essi hanno alcune cose fondamentali in comune: hanno una idea, e si concentrano a lavorare sodo per realizzarlo. Da queste idee, e dal desiderio genuino e dalla forza motrice incarnata dentro di loro, Noi tutti potranno beneficiare in futuro.

Sono fonte di ispirazione le visite e incontri su ciò che viene fatto non solo per sostenere la Svezia ma per garantire lo sviluppo futuro, anche nei momenti di difficoltà e di cambiamento.

Una delle mie più recenti viaggi di quest'anno è stato quello a Parigi per la grande conferenza sul clima delle Nazioni Unite. Ero lì quando il convegno si è aperto, e nell'aria c'era un forte sentimento di ottimismo, ma anche un senso di forte determinazione.

I paesi di tutto il mondo hanno lavorato insieme su una delle nostre maggiori sfide future. Ora abbiamo un obiettivo comune per frenare il riscaldamento globale. Si è raggiunto un accordo storico: il primo accordo sul clima globale che ispira speranza di fronte alle sfide del futuro. Sono orgoglioso di poter dire che la Svezia sarà una forza da non sottovalutare nella continua opera verso un futuro sostenibile.

Tra l'altro, sempre a Parigi, 120 anni fa, Alfred Nobel costituì il Premio Nobel. E' stato un onore particolare quest'anno aver assegnato il Premio per la Chimica a un vincitore svedese. Tomas Lindahl che ha iniziato la sua carriera da scienziato qui in Svezia, insieme con colleghi che hanno gettato la base per lo sviluppo di nuove cure per il cancro.

I grandi temi del nostro tempo alle volte ci porta faccia a faccia con un difficile equilibrio, in un paese come nelle persone. Non è sempre facile sapere qual'è la strada giusta da seguire.

Come nazione dobbiamo assumersi la responsabilità condivisa di contribuire a soluzioni costruttive alle sfide del futuro. Ma dobbiamo anche prendere la responsabilità come persone, per mostrare rispetto e considerare l'uno all'altro. E la nostra responsabilità come adulti è quello di comunicare fiducia e dare speranza del futuro ai nostri figli e nipoti.

Su un livello più personale, la Regina e io siamo molto felici che la Principessa reale e il principe Daniele siano in attesa del loro secondo figlio. Siamo inoltre lieti che il principe Carlo Filippo e la principessa Sofia stanno per diventare genitori, che ci faranno così nonni per la prima volta.

In questo contesto, vorrei cogliere l'occasione per ringraziarvi per tutti gli auguri che abbiamo ricevuti durante l'anno, in occasione del matrimonio del Principe Carlo Filippo e della principessa Sofia e del battesimo del principe Nicolas. Le gentili parole e gli auguri sono molto importante per tutta la nostra famiglia.

In conclusione, voglio ringraziare coloro che sono attivamente coinvolti in club e organizzazioni svedesi. Credo che le grandi reti sono una grande risorsa per il nostro Paese, in particolare quando si tratta di prendersi cura dei nostri giovani e aiutare i nuovi svedesi a stabilirsi la nostra comunità. Con il nuovo anno che si avvicina, voglio offrire speciale incoraggiamento a coloro di voi che dedicano il tempo per gli altri. Sono necessari!

E questo mi porta alla fine del mio messaggio di Natale dal Palazzo Reale. La mia famiglia e Io vorremmo ancora una volta desiderare augurare a tutti voi Buon Natale e un Felice Anno Nuovo per il 2016! "

Tradotto dal Monarchico (*)

VIDEO