Re Vittorio Emanuele III trasferisce lo Stato da Roma a Brindisi e salva l'Italia! 

La cosiddetta "fuga del Re" è una falsa interpretazione storiografica imposta da chi vuole screditare la Monarchia.

8 settembre 1943

In seguito all'armistizio dell'8 settembre il Re Vittorio Emanuele III aveva l'obbligo di evitare che l’Italia cadesse in balia dei tedeschi o degli angloamericani - che avrebbero creato un governo fantoccio ai propri ordini - e per dare continuità alle istituzioni Italiane legittime, decise di trasferire lo Stato da Roma a Brindisi.

Non potendo difendere Roma - dichiarata "città aperta" - e dove il Re sarebbe stato catturato dai nazisti, la Puglia offriva la possibilità di trasferire lo Stato in una zona sempre italiana e libera, e con il "trasferimento a Brindisi" il Re e il Governo italiano riuscirono a rimanere gli unici interlocutori legittimi per gli anglo-americani e impedirono che l’Italia venisse smembrata.

Questo trasferimento più tardi permise al nostro Paese di sottoscrivere un trattato di pace che, per quanto severo e doloroso, salvò il riconoscimento dell’Italia come nazione, a differenza di quanto accadde a Germania e Giappone (la prima divisa in due e controllata delle forze militari alleate, il secondo controllato dagli USA fino al 1952)

Anche l’accusa rivolta a Vittorio Emanuele III di aver lasciato l’esercito senza ordini alla data dell’armistizio è sbagliata e di parte, furono proprio i nazisti e fascisti a sostenere questa accusa.

Vittorio Emanuele III a Brindisi
Intanto in una Monarchia Costituzionale il Re, pur essendo nominalmente capo delle forze armate, non interviene direttamente nell’azione di comando, ma è il Governo che prende le decisioni finali, dopo aver ascoltato il comando delle forze armate sempre affidato alle persone più tecnicamente preparate.
Quindi il Re non poteva avere alcuna responsabilità e se ci fossero state delle colpe queste erano di Badoglio e dei Generali.

Ma non solo perché gli ordini c'erano ed erano chiari. Fu solo la propaganda anti-monarchica che affermò il contrario, contribuendo tra l’altro a coprire chi non aveva compiuto il proprio dovere.

Dopo la proclamazione dell’armistizio si sapeva bene che i tedeschi avrebbero subito aggredito l’Italia.
Inoltre, tenendo conto del patto d’alleanza stipulato il 22 Maggio 1939, l’Italia non poteva attaccare i tedeschi per il solo fatto di aver chiesto un armistizio agli angloamericani, ma si poteva ordinare di attaccare i tedeschi solo se fossero stati i tedeschi ad attaccare per primi gli italiani.
Ecco il significato della frase chiave di quel proclama: “le forze armate Italiane reagiranno ad attacchi di qualunque altra provenienza”.
Un significato ben chiaro a chiunque, dal Generale al più piccolo soldato.

La storia imposta dal regime repubblicano sugli eventi del'8 settembre è chiara: molti partiti, che erano per la repubblica, approfittarono del clima di confusione, peraltro inevitabile, di quel momento per sbarazzarsi del Re e della Monarchia.

Questa propaganda anti-monarchica serviva per convincere molti italiani a votare per la repubblica nel referendum istituzionale.
Se non ci fosse stata questa feroce propaganda contro il Re, colpevole di essere scappato da Roma, la monarchia avrebbe stravinto nel referendum istituzionale e l'Italia sarebbe rimasta un Regno.

Nonostante il clima ostile nei confronti della Corona - voluto da comunisti, repubblichini e dai vertici della democrazia cristiana - la maggioranza degli italiani votarono per la Monarchia.
Ho scritto che la maggioranza degli italiani votarono per la Monarchia perché la repubblica vinse il referendum del 2 giugno solo con i brogli e non fu mai proclamata!

Quindi Re Vittorio Emanuele III trasferendo lo Stato da Roma a Brindisi salvò l'Italia.

Ecco alcuni pareri insospettabili di favoritismo monarchico.

- Sergio Romano (Corriere della Sera, 23-06-06):
debbo chiedermi cosa sarebbe successo se il Re fosse rimasto nella capitale e fosse caduto, com'era probabile, nelle mani dei tedeschi. Vi sarebbero state nei mesi seguenti un'Italia fascista governata da Mussolini e un'Italia occupata dagli alleati, priva di qualsiasi governo nazionale.
La fuga, fra tante sventure, ebbe almeno l'effetto di conservare allo Stato un territorio su cui sventolava la bandiera nazionale. Non è poco.

- Carlo Azeglio Ciampi, allora Presidente della Repubblica:
il Re ha salvato la continuità dello stato (il governo italiano colmò l'incombente vuoto istituzionale, imponendosi agli alleati quale unico interlocutore legittimo).

- Lucio Villari (Corriere della Sera, 09-08-2001):
Sono, in proposito, assolutamente convinto che fu la salvezza dell'Italia che il Re, il governo e parte dello stato maggiore abbiano evitato di essere afferrati dalla gendarmeria tedesca e che il trasferimento (il termine "fuga" è, com'è noto, di matrice fascista e riscosse e riscuote però grande successo a sinistra) a Brindisi gettò, con il Regno del Sud, il primo seme dello stato democratico e antifascista ed evitò la terra bruciata prevista, come avverrà in Germania, dagli alleati.


Infine non è vero che a Roma non rimase neanche un membro di Casa Savoia
Ecco cosa disse in una delle sue memorie il colonnello delle SS Eugen Dollmann :
La famiglia reale e Badoglio nel frattempo erano partiti, con somma delusione del cosiddetto gruppo estremista del quartier generale di Kesselring […] Ma non trovarono che il genero del Re, il generale Calvi di Bergolo, il cui sacrificio morale ha un valore che gl'italiani non dovrebbero dimenticare. […] Secondo il maresciallo ed i suoi più intimi collaboratori, la monarchia aveva salvato l'unità d'Italia abbandonando Roma, e salvato Roma lasciandovi un membro di casa Savoia.

Per chi non lo sapesse Giorgio Carlo Calvi di Bergolo era marito della principessa Iolanda di Savoia.