Anche se il paese è minacciato dai partiti e da 2 comunità linguistiche, la Monarchia assicura l'unità del Paese, e quindi il Belgio, sotto la presenza della Corona, celebra il suo 180° anniversario.

Queen Paola and King Albert II of Belgium watch the military parade to mark Belgium's National Day in front of the Royal Palace in Brussels, Belgium on July 21, 2010. Photo by Danny Gys/Reporters/ABACAPRESS.COM Photo via Newscom


Nel tradizionale discorso ai belgi, il Re Alberto II ha preso atto del successo elettorale dei separatisti fiamminghi. E ha indicato nella decentralizzazione delle istituzioni la strada da seguire.

"Dobbiamo creare nuove forme di vita in comune nelle nostre regioni e nelle nostre comunità, affinché ognuno possa sentirsi a proprio agio. Possiamo risolvere le questioni spinose che ci dividono, e trovare nuovi equilibri tra lo stato federale e lo entità federate”.

In mattinata, la famiglia reali del Belgio ha partecipato alla Messa Te Deum a St. Michel et Gudule a Bruxelles.
Erano presenti il re Alberto II, la regina Paola, la regina Fabiola, il principe ereditario Filippo e la principessa Mathilde.
Assenti erano Principessa Astrid, che era in Hasselt, e suo fratello, il principe Laurent e di sua moglie, la principessa Claire che erano a una massa Te Deuim a St-Martin d'Arlon.

Ciò che rende unica le messa Te Deum è che il cattolicesimo, il protestantesimo, l'islam, l'ebraismo e la laicità - sono rappresentati. Prima del Te Deum, il Re e la Regina hanno incontrato i leader di questi gruppi.
Dopo la messa, i reali hanno incontrato le persone.

(L-R) Belgium's Queen Fabiola, Queen Paola, King Albert II, Crown Prince Philippe and his wife Crown Princess Mathilde attend a religious service (Te Deum) at Saint-Gudule cathedral in Brussels July 21, 2010. Belgium celebrates on Wednesday its National Day and its 180th anniversary of independence. REUTERS/Yves Herman (BELGIUM - Tags: POLITICS ROYALS ANNIVERSARY RELIGION)


Alle 04:00, si è svolta la parata militare.