Questa settimana, la regina Rania di Giordania è stata negli Stati Uniti, un tour per parlare del suo paese e dell'UNICEF. Ha incontrato la stampa e gli americani per parlare di istruzione e del processo di pace israelo-palestinese.

Lunedi, la Regina era alla Leadership School di giovane donne a East Harlem. Come eminente difensore dei bambini dell’UNICEF, ed anche come presidente onorario della Girls Education Initiative (UNGEI) delle Nazioni Unite, la regina Rania ha parlato con le ragazze.

"Fornire un'istruzione di qualità per le ragazze è un sicuro investimento, che li aiuta a costruire un futuro migliore per le loro comunità e per i loro paesi", ha affermato Ann M. Veneman, direttore esecutivo dell'UNICEF, che era con la Regina. "Sua Maestà la Regina Rania è una forte promotrice dell'accesso all'istruzione di qualità per i bambini di tutto il mondo."

Martedì, Rania è andata alla Yale University per una sessione di Q&A con i suoi studenti, docenti e personale. Lì, da difensore dell'istruzione delle ragazze, ha cambiato ruolo per essere la portavoce del processo di pace dei palestinesi in Medio Oriente.

"In Palestina, i muri sono stati costruiti piuttosto che distruggerli", ha detto la regina, che è di origine palestinese.
"Il tempo non è stato un amico per i palestinesi".

"La terra è la geografia dell'anima palestinese", ha continuato, "e ogni nuovo insediamento in Cisgiordania è un duro colpo per la loro esistenza."

Mercoledì notte, la regina ha partecipato ad una importante cena per le donne presso il ristorante Cipriani 42nd street.
Lo scopo dell'evento era di discutere su come aiutare le donne a sopravvivere durante il parto nei paesi del terzo mondo, dove il tasso di mortalità per le donne è alta.

Giovedi, la regina Rania aveva due grandi appuntamenti.
Uno era la commemorazione del 60° anniversario dell'UNRWA, che è stato istituito per aiutare i profughi palestinesi.

"La presenza dell'UNRWA ricorda al popolo palestinese che non sono soli, che nelle loro ore più buie, un organismo internazionale li aiuti e sta al loro fianco", disse la Regina.
"Questo è un evento che vorrei non ci sia. Vorrei che non ci fosse bisogno di UNRWA. Vorrei che non ci fossero 6 milioni di rifugiati palestinesi che hanno bisogno di aiuti umanitari. Ma voi sapete che la realtà è diversa. La loro vita è interrotta, una mezza vita vissuta ".

Più tardi nel pomeriggio, ha partecipato a un forum presso la Clinton Global Initiative.

Lunedi, la regina Rania ha detto su Twitter, "Sono arrivata a New York per lavoro. Come sempre, eccitata e trepidazione. Sarò in grado di difendere le cause e persone che rappresentano abbastanza bene? "

Ebbene, Sua Maestà, fai molto bene il tuo lavoro!
W la Regina Rania!!

Altri articoli
Regina Rania visita una scuola di Harlem