A Castel Gandolfo, il Granduca del Lussemburgo e il figlio, sono stati ricevuto in udienza privata dal Papa Benedetto XVI.

19 Settembre 2009

Il giorno precedente, il granduca Henri del Lussemburgo aveva ricevuto il premio Van Thuan “per il suo impegno nella difesa dei diritti umani, specialmente del diritto alla vita e alla libertà religiosa”, ha spiegato il Cardinal Martino.

Il Granduca ha creato una fondazione per l'assistenza umanitaria ed è membro attivo della Mentor Foundation, creata con il patrocinio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per evitare il consumo di droghe tra i giovani.

Lo scorso anno, inoltre, il granduca si è opposto alla legge approvata dal Parlamento lussemburghese per legalizzare l'eutanasia.

Il granduca è stato accompagnato all'udienza papale dal primogenito, il principe Guglielmo, dal consigliere ecclesiastico dell'Ambasciata presso la Santa Sede e dal suo luogotenente, il colonnello Chrisnach.

Link
VATICANO: PREMIO VAN THUAN A GRANDUCA LUSSEMBURGO, SI OPPOSE A EUTANASIA

Benedetto XVI riceve i vincitori del premio Van Thuan