In Italia ci sono troppe intercettazioni telefoniche, a volte poco giustificabili, a volte con evidente aberrazione del principio del Diritto, costano troppo alla Giustizia, le capacità investigative della polizia giudiziaria rimagono ad essere scarse, ed ormai la privacy è violata anche dalle istituzioni.
Spesso si vede gente innocente catapultate in prima pagina dei giornali, tv, web senza alcuna garanzia, quando si parla di garanzie civili si tocca un nervo scoperto del nostro paese .

È incivile diffondere fatti privati, ma è anche incivile non permettere ai cittadini di conoscere fatti moralmente e politicamente rilevanti. Senza questi due capisaldi la democrazia è a rischio.

In questa situazione di allarme democratico è perciò ragionevole ed auspicabile che presto al parlamento si approvi una nuova legge che regolamenti (attualmente assente) l’utilizzo di questo strumento ed in particolar modo la diffusione.

È evidente che la questione delle intercettazioni telefoniche deve essere inquadrata nel più ampio problema del sistema giustizia in Italia, un sistema che non funziona, che risulta inefficiente, discutibile e costoso. Ben venga quindi una seria e profonda riforma del sistema Giustizia in Italia.

Le intercettazioni telefoniche sono uno strumento molto utile, se non indispensabile, di indagine delicate e difficile, ma all'interno di in un corretto sistema giustizia.
In Italia però la Giustizia, come tutto lo stato repubblicano, è caotico, il numero elevato di leggi impedisce di concludere, in nodo chiaro e definitivo, una causa, non ne parliamo poi della lentezza.

Si deve avere la consapevolezza che esiste un problema centrale che impedisce qualsiasi risoluzione, cioé la guerra tra le Politica e la Magistratura, o meglio tra la parte politicizzata della Magistratura e la Politica, la quale è divisa anche su principi ed idee che dovrebbero invece appartenere a tutti gli schieramenti politici.

Purtroppo in Italia c’è una parte della Magistratura politicizzata che vuole condizionare la Politica, distruggendo, in questo modo, quel poco di Stato di diritto che si è faticosamente riusciti a costruire in cinquant’anni di storia repubblicana.

D’altro canto la Politica, dimostrata corrotta ed incapace, ha paura di essere ostaggio della magistratura e quindi cerca di limitare la sua indipendenza.

Ci troviamo di fronte ad un cortocircuito tra le istituzioni dello stato che genera una situazione di allarme democratico, nel quale tutto è più difficile.

Secondo me ormai in questa repubblica è impossibile che tra la magistratura e la politica possa esserci un rispetto e collaborazione reciproca, tra questi due fondamentali poteri di uno stato c’è una vera e propria guerra.

Le ultime esternazioni di cossiga sono eloquenti.
Il presidente emerito ha espresso, con il proprio stile, il suo parere sullo scontro tra la magistratura ed il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, relativamente alle nuove misure sulle intercettazioni previste dal Governo Berlusconi.

Nel periodo repubblicano sono avvenuti una serie di fattori rilevanti - la corruzione sistematica della classe politica, uno stato incapace, il crollo delle ideologie sulle quale si fonda la repubblica (comunismo, fascismo/antifascismo) - che hanno dato forza ad una frangia della magistratura politicizzata di auto nominarsi custodi della verità, dell'etica, dello stato.

In qualsiasi stato democratico e di diritto non esiste una magistratura che si opponga alle iniziative legislative di un governo, quale che esso sia. Invece ci sono magistrati che esternano la loro contrarietà a qualsiasi proposta di mutare qualcosa nell'ordinamento giudiziario.

La situazione è ancor più drammatica perché la repubblica è un sistema multi oligarchico dove esistono molte caste in lotta tra di loro : la casta della politica, dei sindacati, degli intellettuali, degli industriali, dei banchieri, della magistratura ....

In questo contesto il bene comune non esiste, tutto è secondario agli interessi delle caste, la cosiddetta normalità o democrazia è generata dall’equilibrio tra le caste, un sistema che però funziona solo quando le risorse economiche possono soddisfare tutti gli appetiti...
Adesso però c'è una profonda crisi economica a livello mondiale...

Il regime repubblicano ha frantumato il nostro Bel Paese ed in questa lotta tra le caste l’Italia affonda!

Forse l’unico modo di ridare riscatto al nostro Paese è di riscrivere una nuova costituzione, ricostruire un nuovo stato.
Insomma una Rivoluzione.


INTERCETTAZIONI: COSSIGA, ALFANO BUON RAGAZZO MA E' SCOPPIATO IL PUTIFERIO

Roma, 11 giu. - (Adnkronos) - "Quel buon ragazzo di Angelino Alfano, ministro della Giustizia, aveva avuto il mandato di fare la pace con la magistratura e da bravo scolaretto, subito dopo aver giurato, si e' recato alla sede dell'Associaziona nazionale magistrati a rendere devoto omaggio agli 'oligarchi della giustizia' ed aveva lanciato il 'nuovo verbo': 'Nulla mai il governo fara' che abbia a che vedere anche da lontano con la giustizia e la magistratura, se non con l'accordo dei magistrati!'. Poi il premier Berslusconi volle le leggi sulla sicurezza e ed anche quelle per la limitazione delle intercettazioni: e scoppio' un putiferio!". E' quanto dichiara il presidente emerito Francesco Cossiga.

adnkronos


GRAZIE, PRESIDENTE COSSIGA! FINALMENTE IN POLITICA SI PUO’ DIRE LA VERITA'.

IL PRESIDENTE EMERITO FRANCESCO COSSIGA DENUNCIA AL PRESIDENTE NAPOLITANO E AGLI ITALIANI L’ASSOCIAZIONE A DELINQUERE DELLA MAGISTRATURA.

“Signor Presidente, mi permetto di scriverLe questa lettera aperta. Da ex-capo dello Stato a Capo dello Stato in carica. (…….) Da liberale, sono per la più ampia libertà di associazione e per la più ampia libertà di critica, libertà senza le quali non vi può essere un regime di libertà.

L’Associazione Nazionale Magistrati non è però un’associazione di cittadini qualunque: essa è quell’associazione – ormai diventata, per debolezza delle istituzioni democratiche e della politica, una potente lobby politico-sindacale di carattere quasi eversivo -, che raccoglie giudici e pubblici ministeri, cioè coloro che in pratica dicono, al di là ed anche fuori della volontà del Parlamento, che cosa sia legge e che cosa legge non sia. Addirittura, decidono in pratica quasi ciò che sia giusto e giusto non sia, spesso dilettandosi a riscrivere la storia, dettare giudizi morali e politici, e perfino osando trasferire gli stessi in aberranti richieste, ordinanze e sentenze. (…….)”

(Puoi leggere il testo intero della Lettera su vari Quotidiani e in tutte le Agenzie, di oggi 10 giugno 2008)
blog