Secondo la stima dell'Azienda speciale igiene urbana a Napoli, nonostante l'intervento straordinario avviato nei giorni scorsi, ci sono ancora 2.700 tonnellate di rifiuti lungo le strade.
Tutto il napoletano sta soffocando sotto la puzza dei rifiuti, la gente esasperata accende fuochi dappertutto peggiorando però ancora di più la situazione in quanto sprigionano una sostanza molto tossica, la diossina.
In provincia, soprattutto lungo la fascia vesuviana, l'allarme igienico sanitario è alto, con segnalazione di topi e insetti; in molti comuni già da settimane i mercati all'aperto rionali erano stati sospesi.
Il caldo estivo in arrivo aggraverà ancora di più le condizioni igieniche.

Se non sbaglio anni fa, i magistrati raccolsero alcune dichiarazioni di pentiti appartenenti a clan napoletani, in cui si sosteneva che la munnezza era diventata oro per la camorra !
Come è finita l'indagine?

Pochi giorni fa, con un decreto c'è stato l'apertura di 4 nuove discariche in due parchi nazionali sottoposti a vincoli paesaggistici e dichiarate zone protette, cioè Serre e quella di Terzigno.
Incredibile !

Assurda affermazione di Bassolino : Solo facendoci carico del problema con responsabilità e civile solidarietà possiamo uscire dall'emergenza, dialogo aperto, dunque, confronto democratico, ma è giusto e doveroso andare avanti.
Ma cosa ha fatto finora, da sindaco e da presidente della regione ?
Pensa di risolvere il problema con delle banali frasi senza nulla di costruttivo?

Il sindaco jervolino dice che la situazione è tragica.
Cosa ha fatto finora?

Il ministro Pecoraro afferma che : Sono dell'opinione che vadano arrestati coloro che incendiano i rifiuti perché spesso sono personaggi legati alla camorra e a clan malavitosi che hanno tutto interesse ad aumentare la confusione ed il caos.

Ma come. Adesso i poveri cittadini, che non ce la fanno più a respirare un'aria insopportabile, sono legati alla camorra solo perchè incendiano le immondizie sotto casa ?
E cosa dire allora dei politici che non hanno fatto nulla per risolvere il problema.
Piuttosto non sono allora i politici dei mafiosi?

Naturalmente in questa repubblica delle banane non ci sono mai i responsabili.
Ma la colpa è dei politici, perchè togliere i rifiuti dalle strade è un compito che spetta alle istituzioni pubbliche.

Il problema dello smaltimento rifiuti in Campania è ormai simbolo della profonda crisi della repubblica.
L'emergenza rifiuti, in Campania, è un problema mai risolto di almeno 14 anni, e visto che destra, sinistra e centro sono tutte accomunate da una incapacità e inadeguatezza nel gestire il problema si può sostenere che il sistema repubblicano proprio non funziona.

Siamo di fronte allo sfracello organizzativo di natura politica, all’incapacità delle classi dirigenti. La repubblica non ha fatto il suo dovere, ha venduto illusioni per creare attorno a se clientelismo e distruggendo il nostro paese.

Cosa serve lo stato repubblicano se non risolve i problemi degli italiani?