Il supremo tribunale ha accolto la tesi dell'opposizione parlamentare secondo la quale non era presente un numero sufficiente di deputati e la Corte Costituzionale Turca ha dichiarato invalida la prima votazione per l'elezione presidenziale, facendo sprofondare la Turchia in una crisi politica.

Il portavoce del governo ha annunciato che la candidatura del filoislamico Gul sarà riproposta.

Il governo e l'opposizione sono favorevole alle elezioni anticipate, ed in questo caso il presidente uscente Ahmet Necdet Sezer rimarrebbe come capo dello Stato ad interim fino a quando il nuovo parlamento non avrà scelto il suo successore.

Non solo la Turchia sprofonda in una profonda crisi politica, ma il clamoroso annullamento delle votazione presidenziale dimostra ancora una volta che la repubblica, invece di unire, divide i cittadini.


La repubblica divide.
La Monarchia unisce!


I giudici hanno deciso a larghissima maggioranza
Turchia: annullato il voto presidenziale
Aperta via a elezioni anticipate dalla decisione delle Corte Costituzionale di annullare il primo turno dello scrutinio

ANKARA - La Corte costituzionale turca ha annullato il voto del primo turno delle elezioni presidenziali. I giudici hanno deciso a larghissima maggioranza (9 contro 2) che per l'elezione del nuovo presidente della repubblica sarebbe stato necessario raggiungere il quorum dei 2/3 dei votanti. Il vicepresidente della corte costituzionale Hasim Kilic ha detto che la corte ha accolto l'appello dell'opposizione laica, che aveva fatto ricorso affermando che nella prima votazione da parte del parlamento per l'elezione del capo dello stato, in cui l'attuale ministro Abdullah Gul non era riuscito ad avere la maggioranza qualificata richiesta, mancava il numero legale. Gul è il candidato del partito di radici islamiche Akp.
Il primo ministro Tayyip Erdogan potrebbe ora proporre un diverso candidato per la massima carica dello Stato, ma molti osservatori ritengono che la soluzione più probabile sarà l'organizzazione di elezioni anticipate (che probabilmente avranno luogo a fine giugno inizio luglio) per cercare di far calare la tensione politica.

I FATTI - Il primo turno del voto presidenziale aveva innescato un'aspra crisi fra l’esercito e il governo, accusato di mettere a repentaglio il principio della laicità, in vigore nel Paese. Venerdì scorso, nel primo turno di voto, 361 deputati erano presenti in aula. Il Chp, maggiore partito d'opposizione, aveva boicottato la seduta e presentato ricorso alla Corte costituzionale. Dei 361 deputati presenti, 357 avevano votato in favore del candidato unico, il ministro degli esteri Abdullah Gul, designato dal filoislamico Akp. Gul avrebbe dovuto passare al terzo turno quando per l'elezione è sufficiente la maggioranza assoluta di 276 voti. I militari si erano espressi in maniera forte per la laicità dello stato e domenica, a Istanbul, oltre un milione di persone era sceso in piazza per difendere i valori di Ataturk. Anche le manifestazioni per il primo maggio si sono trasformate in espressioni di dissenso verso la scelta di Gul come candidato presidente.

GOVERNO FAVOREVOLE A ELEZIONI ANTICIPATE - Il governo turco, dopo il proniciamento della Corte Costituzionale, è pronto a tenere delle elezioni legislative anticipate dopo l'annullamento dello scrutinio presidenziale deciso oggi dalla Corte costituzionale. Lo ha detto il portavoce governativo Cemil Cicek. «Noi siamo favorevoli ad anticipare la data delle elezioni e a farle nel più breve tempo possibile», ha detto Cicek ai giornalisti al termine del consiglio dei ministri.
Il primo ministro Recep Tayyip Erdogan ha convocato una riunione dei massimi dirigenti del suo Partito della giustizia e dello sviluppo (Akp, di ispirazione islamica) al governo della Turchia.
Senza dire quando potrebbero tenersi le elezioni politiche, ora previste per il prossimo 4 novembre, Cicek ha sottolineato che la sola condizione posta dall'Akp è un emendamento della costituzione che abbassi l'età di elegibilità dei deputati dagli attuali 30 ai 25 anni.

ilcorrieredellasera