Era prevedibile che il governo Prodi raggiungesse la fiducia del senato, ma che tutti i senatori a vita appoggiassero senza riserve il nuovo esecutivo non ce lo saremmo mai aspettati.
Infatti cossiga spesso si era dichiarato nemico di Prodi, andreotti era il presidente del senato proposto dal centrodestra, ciampi era ben visto da quasi tutti i partiti ed era considerato (a torto) l'unica persona superpartes.

Berlusconi ha subito detto che, votando la fiducia al governo prodi, i senatori a vita hanno fatto qualcosa di immorale, ma è altrettanto vero che la costituzione stabilisce a loro questo diritto.

La questione però è più delicata e controversa perchè tra i senatori a vita ci sono anche gli ex presidenti della repubblica, i cosiddetti superpartes repubblicani, cioè cossiga scalfaro ciampi.

Visto che loro sono considerati dal sistema repubblicano i presidenti di tutti gli italiani, ci si aspetta da loro dei comportamenti più distanti dalla lotta politica e quindi non dovrebbero andare a votare la fiducia ai governi.

Evidentemente il buon senso non è loro appannaggio, e d'altronde cosa c'è di logico e normale in questa repubblica?

Con quale coraggio il regime repubblicano considera i presidenti della repubblica persone superpartes?

Più conosci la repubblica, e più la rifiuti!