La Regina Rania partecipa ad Amman ad una manifestazione in solidarietà alla famiglia del pilota e contro lo Stato islamico

7 febbraio 2015

Dopo aver incontrato la vedova del povero pilota giordano Muath al-Kasaesbeh, brutalmente bruciato vivo dall'Isis, la regina Rania ha partecipato ad una manifestazione tra le strade di Amman insieme a migliaia di persone.

La Regina Rania, portando una immagine del pilota e indossando sulle spalle la kefiah a scacchi rossi e bianchi, ha sfilato con la folla per circa un chilometro, partendo dalla principale moschea della città Husseini a Palm Park, dove si era svolta la preghiera di mezzogiorno..

Durante la protesta, i partecipanti urlavano "Siamo tutti Muath" e "Morte a Daesh" - acronimo dispregiativo per il gruppo terroristico - mentre su alcuni cartelli era scritto : "Tutto il popolo della Giordania ti segue, Maestà".

Lungo la marcia la Regina Rania ha anche detto qualcosa sul pilota caduto, ormai considerato il "Martire Muath" :
"Muath è morto in piedi per difendere il nostro paese, la nostra fede e la nostra umanità. Siamo uniti nel dolore e orgogliosi per il nostro coraggioso martire. La Giordania è unita è deve combattere contro  questa ideologia del terrore e della violenza". 
Ha poi aggiunto : "Non possiamo vincere questa guerra da solo, ma dobbiamo assolutamente combattere."