Re Guglielmo Alessandro e la Regina Maxima dei Paesi Bassi ricevono il presidente francese Hollande

20 Gennaio 2014

Il presidente di Francia  François  Hollande è stato accolto dal re Guglielmo Alessandro e dalla Regina Maxima dei Paesi Bassi presso il Palazzo Noordeinde, a L'Aia.



E' quindi toccato ai reali d’Olanda ricevere il politico francese al centro dello scandalo che sta monopolizzando l’attenzione della stampa europea.
Per Hollande, è il primo viaggio ufficiale dopo il gossip sentimentale con la première dame Valerie Trierweiler e l’amante Julie Gayet. Ovviamente, Hollande si è recato da solo in Olanda, anche perché Valerie, appena dimessa dall’ospedale dopo il ricovero in seguito allo choc del tradimento, si è rintanata a Lanterne, una residenza presidenziale vicino a Versailles …
La stampa francese insiste nel dire che la relazione clandestina dura da 2 anni, mentre l’inquilino dell’Eliseo ripete che “Sono affari privati”.

Naturalmente Maxima e Guglielmo Alessandro, sfoderando modi impeccabili e naturali per i reali, hanno fatto finta che nulla sia successo : Noblesse oblige.
Anche la madre del re dei Paesi Bassi, Beatrice, che ha abdicato l'anno scorso in favore di suo figlio, ha incontrato il presidente francese.

Dopo la tradizionale cerimonia di benvenuto ufficiale, c'è stato l'incontro tra il sovrano e il presidente nelle sale del palazzo, dove era presente anche la regina Maxima, che ha sfoggiato un eleganza abito di seta con maniche a campana, e un cappello.

Dopo l'incontro del presidente Hollande con i presidenti delle due camere olandesi, Ankie Broeker-Knol e Anouchka van Miltenburg, quello con il primo ministro olandese Mark Rutte, insieme a diversi ministri francesi e olandesi.
Al termine i sovrani hanno invitato il Presidente ad un pranzo al palazzo reale, durante il quale i due capi di Stato hanno tenuto un discorso.

Nel pomeriggio è previsto che il presidente Hollande visiti la sede dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPAC) a L'Aia, che ha ricevuto nel 2013 il Premio Nobel per la Pace e mira al bando globale delle armi chimiche.

Per concludere la giornata si prevede che il presidente Hollande, il primo ministro Rutte e il ministro olandese del Commercio Estero Ploumen firmano una serie di accordi commerciali.