La vicenda dei due marò è una vergogna per il nostro Paese.
La repubblica umilia l'Italia.

Ecco l’ennesima figuraccia della repubblica italiana : prima aveva deciso di tenerli in Italia, dove erano rientrati grazie a un permesso elettorale. Quindi dopo che gli indiani mostrano i muscoli, cambia idea rispedendoli in India dove erano stati in carcere.

Il disonore in cui il governo repubblicano ha trascinato l’Italia non ha precedenti.
Il comportamento dei Ministri degli Esteri e della Difesa è talmente grave e vergognoso che è difficile averne di altrettanto inetti, e quindi se rimane loro un briciolo di dignità, si assumano la responsabilità e consegnino immediatamente le loro dimissioni.

I due ministri però non sono gli unici responsabili, ma sono l’apoteosi dell’incapacità della repubblica italiana.
Il governo Monti e la diplomazia non hanno difeso i nostri soldati e soprattutto l'onore e la dignità del nostro Paese.
Il governo Monti - voluto da napolitano - non solo non ha salvato l'Italia dalla crisi economica ma è riuscito addirittura ad umiliare l'Italia a livello internazionale.



I ministri, il governo e il corpo diplomatico hanno compiuto un impressionante cumulo di errori, uno peggiore dell'altro: la nave con a bordo i marò non doveva attraccare; si doveva subito chiamare in causa la diplomazia europea ed anche invocare il diritto internazionale; il ministro degli esteri non doveva recarsi in India per farsi schiaffeggiare; i due marò non dovevano essere ricevuti come eroi; l’ambasciatore non doveva essere garante e subire la limitazione della sua libertà di movimento.

Con questo completo disastro politico e diplomatico, la repubblica ha trasformato l’Italia in una Nazione di serie B, colpevole, inaffidabile, corruttrice, ricattabile e calabrache.

C'è anche l'aspetto economico legato al caso degli affari di Finmeccanica dove, anche qui, il responsabile è il governo e lo stesso Monti (e si proprio lui che invece doveva migliorare la nostra immagine internazionale...!
Si adombra l’ipotesi che la decisione di riconsegnare i nostri Marò all’India sia dovuta a motivi squisitamente economici.
Innanzitutto non c’è affare economico internazionale che giustifichi l’abbandono degli italiani, e questo è un atteggiamento tipico di uno stato che calpesta la dignità di tutta la Nazione.

Insomma si è giunto a questa vergognosa vicenda non per caso, o per colpa solo dell'attuale governo, ma la responsabilità è della repubblica la quale ha sistematicamente calpestato, dal dopoguerra ad oggi, la Patria, i suoi valori e i suoi simboli, diseducando i cittadini italiani all’amor patrio.

E' proprio questa repubblica oligarchica il nemico della Patria che ci ha imposto l'assurdo sogno europeo, la moneta unica e altre fandonie che sono servite a farci rinunciare alla sovranità nazionale e alla sovranità monetaria, per poi essere schiavi dell’Unione Europea e delle Banche.

E' giusto poi sottolineare che l'Unione Europea, di cui facciamo parte, non ci aiuta per tutelare i nostri interessi, anzi ci impone solo ceca obbedienza e austerità.

Temo di pensare come si concluderà questa vicenda, ricordando il proverbio che al peggio non c’è mai fine....

Solo uno Stato ed un Governo diversi da quelli attuali potranno essere in grado di dialogare alla pari e in maniera costruttiva con l'India.
I due marò non sono eroi, e forse chissà nemmeno innocenti, ma si deve assolutamente difendere l’Onore dell’Italia, ormai calpestato platealmente da questa repubblichetta...

La repubblica non ha dignità ...
dobbiamo salvare l'Italia!