Liechtenstein: il principe conserva il diritto di veto sulle decisioni popolari.

1 luglio 2012

E' stato respinto nel Liechtenstein il referendum che puntava a limitare i poteri della famiglia reale che conserva il diritto di veto sulle decisioni popolari.

Il 76,1% dei cittadini ha respinto il quesito che intendeva abolire il diritto di veto del principe, che può bloccare tutte le leggi o i provvedimenti di iniziativa popolare.
Solo il 23,9% dei votati è stato favorevole.


I promotori dell'iniziativa, esponenti del movimento per la democrazia nel Liechtenstein, chiedevano che il principe - o un suo rappresentante - non disponesse più del diritto di veto sulle votazioni popolari, ma lo conservasse solo per le decisioni del parlamento.

Il principe Alois del Liechtenstein, nominato capo di Stato dal padre Hans-Adam nel 2004, aveva minacciato di dimettersi se fosse stato cancellato il diritto di veto che gli garantisce la Costituzione.

L'idea di limitare i poteri del sovrano era cominciata a circolare l'anno scorso quando Alois, 43enne padre di 4 figli, aveva minacciato di porre un veto al risultato del referendum per depenalizzare l'aborto se fosse passata la linea che la decisione spettava a ciascuna donna. L'iniziativa alla fine era stata bocciata dalle urne.

Con circa 36mila abitanti, il regno gode di uno dei più alti standard di vita al mondo grazie soprattutto al settore finanziario.

Comunicato della Casa Reale

"La casa principesca con gioia ringrazia la grande maggioranza della popolazione che ha voluto continuare a sostenere la partnership tra il popolo e la casa reale, che da 300 anni ha successo in questo paese". 

Il principe ereditario Alois ha aggiunto:. "Il chiaro voto dimostra che esiste una buona base che permetterà di superare le molte sfide che attendono il Liechtenstein" .


Il principe ha anche espresso il desiderio della casa reale, che ora dopo il voto, tutti siano più costruttivi per avere insieme un futuro migliore.

LINK
fuerstenhaus