Papa Benedetto XVI ha incontrato Fidel Castro all'Avana


Il portavoce vaticano, Federico Lombardi, ha riferito che l'incontro tra il Papa e Fidel Castro è stato intenso e cordiale.

Durante l'incontro l'ex Presidente della repubblica cubano (Líder máximo) ha posto a Benedetto XVI alcune domande, per esempio sui cambiamenti nella liturgia della Chiesa e sul ruolo del Pontefice.

Il Santo Padre ha risposto parlandogli dei viaggi, degli incontri con i popoli, del servizio alla Chiesa universale.
Castro ha fatto riferimento alle difficoltà dei tempi attuali per l'umanità e il Papa ha parlato dell'assenza di Dio e dell'importanza fondamentale del rapporto tra fede e ragione.

L'incontro è avvenuto alla nunziatura apostolica dell'Avana, dove Fidel Castro è stato accolto dal cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato vaticano. Sempre secondo il portavoce del Vaticano, Fidel ha detto spontaneamente a Bertone che lui desiderava la beatificazione di Wojtyla e madre Teresa.

Ci sono anche state voci, minimizzate dal Vaticano, circa l'ipotesi di una conversione di Fidel Castro in occasione del viaggio del Papa a Cuba.
Fidel Castro è cristiano in quanto battezzato, ma sulla sua fede personale e pubblica non ho nulla da dire, ha detto il portavoce Federico Lombardi rispondendo a una domanda dei giornalisti. C'è differenza - ha aggiunto - tra essere battezzati ed essere membri di una comunità partecipando alla sua vita.

Il Papa è giunto con la sua papamobile nella "Plaza de la Revolucion" dell'Avana, per celebrare la sua messa più importante a Cuba.
La piazza è il luogo dove Fidel Castro si rivolgeva ai cubani, e dove si erge un monumento dedicato a José Martì, eroe dell'indipendenza di Cuba dalla Spagna, e vi si affaccia una gigantesca riproduzione stilizzate di "Che Guevara" con il suo motto Hasta la victoria siempre.

Benedetto XVI ha fatto un giro della piazza, salutando la folla di fedeli, mentre dagli altoparlanti risuonavano motti come Benedicto! Benedicto!

LINK
Vaticano News