Progetto "Mano tesa in Burundi" realizzato dalla fondazione del Granduca e della Granduchessa di Lussemburgo.

28 ottobre 2011

Nel suo viaggio in Burundi la granduchessa Maria Teresa aveva scoperto la vita dei bambini in carcere nella prigione centrale di Bujumbura.

"Ecco, ho visto una vera e propria violazione dei diritti dei bambini. Giovani di 10-15 anni si trovano in prigioni fatiscenti e sovraffollate, dove non c'è separazione di uomini, donne, bambini, neonati ... E tutto questo per crimini ridicoli, come rubare una capra o un ferro da stiro."


Sconvolta da queste immagini, la granduchessa promise di fare di tutto per aiutare questi bambini, e questa promessa è stata attuata attraverso il "Progetto Mano tesa", immaginato e fondato dal Granduca e dalla Granduchessa in collaborazione con la Maison Shalom, un'associazione locale fortemente coinvolta nella cura dei bambini svantaggiati. 

Dopo 18 mesi, la fondazione ha preparato una prima relazione del Progetto "Mano tesa in Burundi", ed i risultati sono positivi: finora sono stati rilasciati dalla prigione 159 minori, alcuni stanno imparando a diventare meccanici, muratori o carpentieri, altri sono tornati a scuola.

"L'obiettivo di questo progetto è quello di portare i bambini fuori dal circolo vizioso delle carceri, liberandoli fornendo un aiuto medico sociale e psicologico, e poi reinserendoli nella società locale, nella loro famiglia d'origine o in una casa adottiva", ha detto la granduchessa.

La fondazione offre anche piccoli prestiti ad alcuni giovani che vogliono creare un'attività dopo la loro formazione.

C'è ancora molto da fare, ma la Granduchessa si augura nei piani futuri di migliorare l'assistenza legale e sostegno ai minori rilasciati, ed anche di creare un centro di accoglienza per bambini in Burundi.

LINK
Le Quotidien