Per commemorare il 66° anniversario della sconfitta del Giappone durante la seconda guerra mondiale, l'imperatore Akihito e la conserte, Michiko, hanno osservato un minuto di silenzio davanti al memoriale della Budokan Hall di Tokyo.

15 agosto 2011

In seguito alla bomba atomica sulla città di Hiroshima, e quella su Nagasaki, il 15 agosto 1945 il Giappone si arrese agli Stati Uniti.

L'imperatore del Giappone Hirohito, padre dell'attuale imperatore, diede via radio l’annuncio alla popolazione.
Era la prima volta che l'imperatore parlava al popolo giapponese, che finora non aveva mai ascoltato la sua voce e lo considerava un dio vivente.

L'annuncio della resa, inizialmente, non fu compreso dai giapponesi sia a causa dei disturbi nelle comunicazioni via radio che per via dell'utilizzo del keigo, l'alto registro linguistico e il lessico raffinato, da parte del Tennō, ben diverso dal giapponese corrente.

LINK
Japan marks anniversary of war's end