La Gioconda di Leonardo da Vinci sarebbe Bianca Giovanna Sforza, figlia di Ludovico il Moro, Duca di Milano.


La scoperta è stata fatta dalla studiosa italiana Carla Glori che ha anche localizzato nel borgo piacentino di Bobbio il paesaggio sullo sfondo del celebre dipinto di Leonardo, finora considerato come immaginario.


La scoperta nel mese scorso della lettera "S" e "G" agli occhi di Monna Lisa potrebbe essere l'abbreviazione della donna nobile Giovanna Sforza.

Quindi, secondo la storica Carla Glori, la donna nella "Gioconda" era Bianca Giovanna Sforza e il ponte allo sfondo era il Ponte Gobbo sul fiume Trebbia a Bobbio, nel piacentino.

Ci sarebbe anche il numero ‘72' ‘scovato' sulla tela, sotto un'arcata del ponte dallo storico Silvano Vinceti, e la Glori ritiene che questo numero sarebbe da collegare al 1472, anno in cui il ponte di Bobbio fu distrutto dalla piena del fiume Trebbia.

Secondo gli abitanti locali, il ponte di Bobbio è molto simile a quella del disegno di Da Vinci.

Gli studi di Carla Glori erano già stati pubblicati l'anno scorso nel libro "Enigma Leonardo: La Gioconda, in memoria di Bianca", ma le recenti scoperte rafforzano la sua tesi.

Chissà se la Gioconda era proprio Giovanna Sforza, in ogni caso fa piacere sapere che la donna immortalata nel capolavoro di Leonardo sia la figlia di una nobile famiglia...


Link
Monna Lisa era una Sforza, lo sfondo era nel Piacentino