Si sa benissimo che non esiste nulla di eterno, eppure in Italia la repubblica è considerata eterna.
Infatti l'articolo 139 della costituzione afferma che la forma repubblicana non può essere oggetto di revisione.

Lascio da parte le battute, i noti brogli del referendum istituzionale del 1946 ed il fatto che la repubblica non è mai stata proclamata.

Si dice che l’Italia deve rimanere per sempre una repubblica, perché così volle il nostro popolo dopo la seconda guerra mondiale.
I fatti, però, dimostrano il contrario.
1. La legge istitutiva dell’Assemblea Costituente stabiliva che quest’ultima avrebbe avuto un anno di tempo per approvare la Costituzione.
In caso contrario, l’assemblea sarebbe stata sciolta di diritto e il popolo avrebbe dovuto eleggerne un’altra.
2. Alla scadenza del termine annuale (17 Giugno 1947) la Costituzione non era ancora pronta.
3. L’Assemblea Costituente si autoprorogò il mandato, violando la legge e impedendo al popolo di esprimersi in proposito.
I costituenti temevano che nuove elezioni avrebbero modificato la composizione dell’assemblea in senso favorevole a un ritorno della Monarchia, previo nuovo referendum.
4. Nel tentativo di evitare un ritorno democratico alla Monarchia, venne introdotto l’art. 139 della Costituzione, che stabilisce: “La forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale”.
5. Questa norma fu approvata solo da una minoranza dei componenti dell’assemblea. Infatti, votarono a favore solo 274 membri su 556 (il 49%), mentre 205 erano assenti e 77 votarono contro. Gli emendamenti che chiedevano la soppressione di tutto l’art. 139 non vennero neppure messi in votazione.
6. L’art. 139 vorrebbe impedire al popolo di scegliere liberamente la forma istituzionale del proprio Stato.

In altre parole, mentre la Monarchia, nella persona di Umberto II di Savoia, accettò che fosse il popolo italiano a decidere fra Monarchia e Repubblica, quest’ultima vieta allo stesso popolo di esprimersi su un argomento di tale importanza.

Re Umberto II non ha mai abdicato e ha sempre affermato che nel giugno 1946 il governo italiano si rese responsabile di un vero e proprio atto rivoluzionario, che impedì di stabilire quale fosse stata veramente la volontà espressa dal popolo nel referendum istituzionale.

Il regime repubblicano ha rimossi dalla Storia i punti elencati in questo post.
Perchè?
E' giusto che questi dati oggettivi siano stati nascosti?

Se, come afferma la repubblica, la sovranità è popolare che senso ha l'articolo 139 se non la paura di essere spazzata via prima o poi dal popolo?