La Procura di Roma ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta su un presunto giro di tangenti ai Monopoli di Stato che ha coinvolto il Principe Vittorio Emanuele di Savoia.
Adesso l'ufficio del gip dovrà valutare se ci siano o meno i presupposti per chiudere il caso. Vedremo come finirà.

Come al solito, quando la Giustizia chiede l'archiviazione di un inchiesta i massmedia tacciano, non mettono in rilievo la notizia.

Visto che la propaganda repubblicana è terribile e spietata verso i Savoia, i massmedia - sempre molto teneri verso chi ha il potere - nascondono la notizia.
Non si può dimenticare gli innumerevoli articoli che già condannavano il Principe, milioni di carta stampata dedicata alla vicenda, servizi Tv riviste ... tutti i giornali facevano a gara tra loro per screditare l'immagine del Principe.

Ma ci rendiamo conto di quanto ci siamo incattiviti in questa repubblica?

Il pm di Potenza, Woodcock, aveva addirittura condotto in carcere, nel giugno dello scorso anno, il principe ereditario.
Per continuare l'indagine era necessario chiuderlo in carcere?
Ma ci rendiamo conto della gravità ?
Questa drammatica situazione non succcede solo per i Savoia, ma si è ripetuta mille volte.
Si può ancora avere fiducia in uno stato che permette queste cose?
Perchè chi sbaglia non paga mai?
Perchè non si migliora la Giustizia?


E'lecito chiederci se in Italia esiste ancora la Giustizia, ormai diventata un mezzo per distruggere i nemici o chi dà fastidio.
Una giustizia trasformata in mezzo politico ed aiutata dai massmedia è la versione moderna della gogna.

Una giustizia del genere è solo lo strumento punitivo per mettere alla berlina il disgraziato di turno, umiliato in pubblico.
A quanto pare si elimina la persona indesiderata buttando addosso talmente tanto fango che neanche la successiva innocenza può riabilitarlo.

Questa è la terribile verità.
Povera Italia, poveri italiani


Emanuele Filiberto: magistratura italiana da incubo

ROMA (Reuters) - Dopo un anno di inchieste sono cadute tutte le accuse contro Vittorio Emanuele di Savoia, lanciate da una magistratura dalle manette facili, che fa fare all'Italia una brutta figura nel mondo: così Emanuele Filiberto in un'intervista a Reuters ha commentato la richiesta di archiviazione da parte della procura di Roma dell'inchiesta per tangenti nei confronti del padre.

"Ci si rende conto che, dopo un anno di inchieste, tutte le accuse si sciolgono come neve al sole", ha detto il nipote dell'ultimo re d'Italia, che ha ricordato il "terribile periodo" del carcere di Vittorio Emanuele.

"Noi l'abbiamo vissuta molto male. Sinceramente abbiamo tutti avuto paura. Io non sono tornato in Italia per tre mesi. Sono partito in montagna con mia moglie e le mie figlie".

"Ancora oggi quando cammino per strada, guardo indietro per vedere se non ci sono due che mi vengano da arrestare.... In Italia chiunque fa un passo di traverso può ricevere lo stesso trattamento (del padre)".

La procura di Roma che ha chiesto oggi l'archiviazione aveva ricevuto gli atti dell'inchiesta dal pubblico ministero di Potenza Henry John Woodcock, che indagava su un più ampio giro di corruzione e sfruttamento della prostituzione.

In particolare veniva contestata a Vittorio Emanuele e a un'altra decina di indagati una presunta tangente ai monopoli di Stato per ottenere una licenza per la dislocazione di slot machines.

Secondo fonti giudiziarie, i magistrati romani hanno motivato la richiesta di archiviazione sostenendo che non ci sono prove che il denaro sia arrivato ai funzionari dei monopoli.

L'esponente di Casa Savoia era stato arrestato nel giugno 2006 per associazione a delinquere finalizzata proprio alla corruzione e allo sfruttamento della prostituzione e aveva passato una settimana in carcere prima che gli fossero concessi i domiciliari in un appartamento romano e venisse poi rimesso in libertà un mese dopo l'arresto.

"Ma ora voglio capire una cosa, perché un magistrato può permettersi di distruggere la famiglia di un uomo che è stato in esilio per 58 anni, che era felice di tornare, anche senza conoscere il paese", ha detto Emanuele Filiberto, riferendosi al pm Woodcock.

La vicenda "mediaticamente è stato un orrore, perché sono state pubblicate conversazioni telefoniche che non avevano niente a che vedere con l'inchiesta".

"Quel che è ancora più triste è che l'Italia viene giudicata al di fuori dei suoi confini per vicende così. E' una brutta figura per la giustizia italiana".
reuters


Vittorio Emanuele, chiesta archiviazione vicenda monopoli

ROMA (Reuters) - La procura di Roma ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta nei confronti di Vittorio Emanuele di Savoia e di un'altra decina di indagati per la vicenda della presunta tangente ai Monopoli di Stato per una licenza per la dislocazione di slot machines.

Lo riferiscono fonti giudiziarie, aggiungendo che il provvedimento è stato firmato dai pm Giancarlo Amato e Maria Cristina Palaia, che avevano ricevuto gli atti dal pubblico ministero di Potenza Henry John Woodcock, nell'ambito della più ampia indagine su un presunto giro di corruzione e di sfruttamento della prostituzione.

Gli inquirenti romani, dicono le fonti, avrebbero motivato la richiesta di archiviazione sostenendo che non vi sono prove che il danaro sia effettivamente arrivato ai funzionari dei Monopoli.

L'esponente di casa Savoia era stato arrestato nel giugno 2006 per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e allo sfruttamento della prostituzione e aveva passato una settimana in carcere prima di essere messo ai domiciliari in un appartamento romano e poi essere rimesso in libertà circa un mese dopo l'arresto.

L'indagine si concentra sul rilascio di nulla osta per videogiochi ad una società messinese da parte dei Monopoli di Stato e sul Casinò di Campione d'Italia.
reuters