La Commissione Ue ha presentato il suo rapporto annuale sulla Competitività nell’Unione.
La prestazione complessiva dell’economia europea è migliorata nel 2006, c'è stato il tasso di crescita più alto di questo secolo (3%), è ridotta la distanza nei confronti dell'USA, ma in questa situazione c’è chi corre - come Svezia, Germania, e Francia - e chi avanza troppo piano, come l’Italia.

Da questo studio si evince che In Italia un’ora di lavoro genera un decimo di PIL in meno rispetto alla media europea, mentre la Germania e la Francia ne sfornano rispettivamente l’8,5 e 15,9% in più e, al contrario degli altri stati, fra il 2000 e il 2005 in Italia la produttività media del lavoro è scesa.

Inoltre il rapporto tra il pil ed il numero delle persone occupate attribuisce all’Italia il dodicesimo posto nell’Ue, in Italia un’ora di lavoro mette in circolo l’88,2 per cento della ricchezza generata nella media Ue, un dato basso anche tenendo conto la correzione legata al sommerso.
Fra il 2000 ed il 2005 il prodotto italiano pro capite è aumentato di appena lo 0,1% nella media annua, un risultato davvero molto scadente che nemmeno l’economia in nero può compensare il divario con i grandi partner europei, Francia (0.8), Germania (0,6), Spagna (1,7) e Regno Unito (2).

Nel 2006 le cose sono andate meglio, siamo saliti all’1,4%, poco più della metà della media europea (2,3), comunque in ritardo.
Il calante tasso medio di produttività del lavoro per persona impiegata (-0,1% annuo nel 2000-2005), se coniugato con l’aumento della popolazione occupata (o emersa), vuol dire che sono state usate più braccia per fare di meno.

Altri dati :
- Incremento Pil procapite e spese ricerca sotto la media europea per l'italia.
- cresce la competitivita' in Europa ma l'Italia resta indietro.
- gli italiani sono agli ultimi posti tra i vecchi 15 paesi europei, con un incremento della ricchezza piu' basso della media Ue.
- Inferiore alla media europea anche la spesa in Ricerca e Sviluppo.
- Le bollette di luce e telefono sono salate e le infrazioni pendenti alla Corte Ue raggiungono livelli record.

L’analisi della Commissione è l'ennesima bocciatura dello stato repubblicano italiano.
Ma chi sta uccidendo un grande paese potenziale come l'Italia?

La grave situazione nella quale si trova l'italia è causata da una serie di fattori come la poca innovazione, la burocrazia, riforme in ritardo e finanza pubblica inefficiente, oppure per lo scarso numero di laureati tecnologici, per gli pochi soldi per la ricerca, oppure ancora per gli alti costi, i lunghi tempi per aiutare un’impresa....
L'elenco è molto lungo ma in fondo la colpa è della classe politica e dello stato repubblicano.
La scarsa crescita della produttività italiana riassume in sé gran parte dei mali dell’apparato produttivo del Paese.

Dietro un’apparente creatività e successi in nicchie - la moda ed alcune tradizioni artigianali convertite con successo in industrie fiorenti - si sta verificando uno scivolamento di un Paese.
Una volta l'Italia era leader in Europa in alcune settori - elettronica e chimica - ma con incredibile disinvoltura lo stato repubblicano ha costretto la loro chiusura, ad esempio si è sbarazzato di una grande industria farmaceutica come Farmitalia Carlo Erba, e così facendo siamo scesi dal treno in corsa del quale occupavamo alcuni dei vagoni di testa.

Diciamo la verità.
In Italia lo stato e la classe politica hanno enorme responsabilità del collasso della economia, hanno fermato la creatività italiana, lo stato repubblicano ha sempre capito ben poco di economia e produttività - anche perchè legato ai dogmi imposti dal comunismo - e quindi per porre rimedio a questo grave situazione c'è bisogno di un'altra classe politica.
In questo drammatico contesto - inesistenza di una vera Politica e Stato efficiente capaci di contrastare il globalismo e di difendere il lavoro e la creatività degli italiani - il globalismo mette in ginocchio l'Italia.

Per prima cosa per elaborare una corretta analisi della economia e società si deve liberarsi delle ideologie del passato, si deve intraprendere una nuova politica industriale fondata sull’innovazione, identificare su quale vagone dell’economia internazionale si deve saltare prima che sia troppo tardi.
Si deve lavorare su molti fronti e sulla innovazione, aumentare il reddito e produttività, concentrando la propria attenzione sull’industria finanziaria, su un nuovo tipo di turismo, sull’istruzione superiore e su alcuni settori industriali molto sofisticati come la genetica ed informatica .

E' ancora possibile sperare in un futuro migliore ?
Dov'è la nuova classe politica?
Quando nascerà un altro stato?