Il parlamentare no global francesco caruso, eletto nelle liste di rifondazione comunista, membro della commissione Affari sociali, fa sapere alla stampa di aver seminato semi di marijuana nelle fioriere del cortile di Montecitorio.

La Cdl ha abbandonato l'Aula in segno di protesta ed in seguito caruso ha smentito di aver piantato dei semi di marijuana nelle aiuole di Montecitorio, spiegando che la sua è stata solo una provocazione per rilanciare la mobilitazione del 25 novembre, quando "la marijuana germoglierà in decine di aiuole in tutta Italia, davanti ai comuni e le Prefetture".

Esponenti della Cdl, intervenuti in Aula, hanno chiesto la convocazione dell'ufficio di presidenza per comminare eventuali sanzioni a Caruso, altrimenti bertinotti "vuol dire che condivide il gesto dell'onorevole Caruso".
In seguito ll segretario dell'Udc cesa ha accusato bertinotti di non essere l'arbitro che la Costituzione prevede ma un giocatore che squilibra la partita: da lui ci aspettavamo ben altro


Non si può stendere un velo pietoso su questa squallida vicenda, ai politici non interessa risolvere i veri problemi degli italiani, purtroppo i politici non sanno fare il loro mestiere e non difendono neanche il decoro del parlamento.

La decadenza della repubblica non ha limiti
Quando finirà lo spettacolo?

larepubblica