Per tanti motivi Napoli è sempre stata una città particolare, una città che tempo fa si amava per la vivacità e per il sole, ma adesso forse fa solo paura.

Adesso la vivacità è quasi sparita ed i napoletani, sempre fatalisti, continuano solo ad aspettare aiuti dagli "altri", poco cambia se dallo stato o dalla camorra.

D'altronde nel passato napoli era anche la capitale del sud d'Italia, era famosa per la sua cultura, l'arte e l'intelligenza della media-alta borghesia.

Da diversi decenni a napoli la situazione è molto peggiorata, e bisogna chiederci perchè adesso esiste un tessuto urbano talmente degradato.
I "nuovi camorristi" hanno perso il codice d'onore dei loro predecessori, che mai avrebbero ucciso donne o ragazzi, e sono banditi senza scrupoli.

Evidentemente ci sono gravissime responsabilità politiche ed istituzionali perchè una città non può diventare così degradata se lo stato non ha favorito od addirittura aiutato la camorra.
Infatti è visibile uno stretto rapporto tra la politica e la camorra, la camorra usa le strutture pubbliche e dialoga con il potere politico.
Insomma ci sono troppe forme di complicità tra la politica e la camorra.

Ciò significa che lo stato ha fallito e che, ancor più grave, molto probabilmente la politica non è in grado di risvegliare le coscienze dei cittadini e di recuperare la legalità.

Molto probabilmente Napoli è la città dove la degradazione del sistema repubblicano ha raggiunto l'apice, cioè il laboratorio dove gli aspetti più negativi della repubblica (corruzione, incapacità, statalismo, assistenzialismo, fregare il prossimo ..) hanno raggiunto il massimo.

Napoli: il trionfo della repubblica ?


Consiglio di leggere questo articolo di Bocca su larepubblica che si conclude con la frase :
"a Napoli la Camorra viene chiamata il sistema".

Io aggiungo che il sistema è quello repubblicano.

Spero che un giorno napoli possa ritornare ad essere una città rispettabile, ma purtroppo sono pessimista perchè abbiamo uno stato troppo debole ed incapace.