Sperando di non dimenticare nulla, ecco una breve cronologia del caso telecom :

1) Prima ci dicono che Telecom è una società in profonda crisi, costretta a scorporare Tim per pianare i debiti accumulati nel passato
2) Rovati, il consigliere economico di Prodi, senza dire nulla al governo, stabilisce in accordo con la telecom un piano di rilancio
3) Prodi dice di non sapere nulla del piano di Rovati
4) Secondo dei documenti invece si scopre che Prodi conosceva le intenzioni di Tronchetti ed il caso Rovati
5) Quindi le dimissioni di Rovati e sostituito da Guido Rossi che lancia segnali di allarme rosso per la grave situazione di Telecom
6) Il bubbone delle intercettazioni telefoniche illegali
7) Rossi alla Consob annuncia che il quadro finanziario del gruppo Telecom non è poi così disastroso e che non c'è più neppure bisogno di vendere Tim
8)Tronchetti Provera scende in difesa della Telecom affermando che "Noi siamo parte lesa e non abbiamo mai svolto intercettazioni" e che "la telecom è una società solida".
9) Sempre secondo Tronchetti, nel Paese c'è una «zona grigia» che sfrutta la debolezza della politica e dell'etica, ma che, prima o poi, dovrà venire a galla.

A questo punto dovrebbe esserci qualcuno, al di sopra dei sospetti e degli schieramenti politici ed economici, che ci spiegasse come stanno veramente le cose.
Purtroppo è solo illusione sperare di sapere cosa succede in questo paese, infatti in questa storia repubblicana quasi tutti gli scandali, stragi (di stato?), attacchi terroristici e corruzioni sono rimasti casi misteriosi ed irrisolti.

La realtà insegna che la repubblica italiana è un sistema contorto che alimenta la degradazione.
Insomma, come avere fiducia in uno stato inefficiente e corrotto?

La repubblica è la vera zona grigia!!

La vera zona grigia

Qualcosa finalmente si muove dentro l'occhio del ciclone che ha investito Telecom
....
Ieri è sceso in campo Marco Tronchetti Provera, azionista di riferimento Telecom, e presidente all'epoca dello scandalo-spie: e il tono è sembrato diverso.
Tronchetti ha ribadito com'è comprensibile la solidità di Pirelli ed Olimpia (dove sta il controllo Telecom), e ha difeso se stesso e i suoi più stretti collaboratori per la vicenda del conto svizzero, ricordando in proposito di essere stato vittima di un tentativo di estorsione, denunciato alla magistratura.
Quanto alle dimissioni dalla presidenza, la causa non è nella doppia crisi Telecom, aziendale e giudiziaria, ma nella politica, perché dopo la polemica con Prodi "si rischiava un conflitto istituzionale".

In compenso, Tronchetti Provera denuncia una "zona grigia" nel Paese, che sfrutta la debolezza della politica e dell'etica, ma che prima o poi - avverte - dovrà venire a galla. È interesse di tutti che ciò avvenga, per eliminare ogni opacità nella vita pubblica. Ma intanto, il primo imprenditore italiano può cominciare dalla "zona grigia" di casa sua, così estesa da pesare direttamente non solo sulla politica e sull'etica, ma anche - secondo i magistrati - "sui principi costituzionali fondanti di questo Paese".


sito
larepubblica