Messico: una repubblica, due presidenti, ed un paese diviso in due

crisi politica e quindi della repubblica

I presunti brogli e il riconteggio parziale non sono serviti a cambiare le sorti delle elezioni presidenziali, e la sentenza del Tribunale elettorale messicano aveva stabilito che Calderon vinse per solo lo 0,56% dei voti.

Adesso Obrador, lo sconfitto alle presidenziali del 2 luglio, si e' autoproclamato "presidente".

Il caso messicano dimostra per l'ennesima volta i rischi del sistema repubblicano, e cioè che il presidente non è mai di tutti ma solo di chi lo vota.
Quando poi la differenza dei voti dei contendenti è minimo, il paese è veramente diviso in due e si rischia la guerra civile.

E' sconvolgente il disinteressamento dei media e dei governi mondiali alla vicenda, ma d'altronde la nomenKlatura vuole nascondere i limiti e le contraddizioni della repubblica.

Il Messico è spaccato in due, la lotta tra i partiti per raggiungere il potere dilania il paese, in una repubblica non esiste un capo di stato superpartes e di tutti.

A questo punto : cosa servono le elezioni presidenziali se i risultati possono essere falsati, se non si capisce chi ha vinto e perso, e se lo sconfitto si autoproclama presidente?
Le elezioni presidenziali, invece di unire, spaccano il paese in due e si rischia una guerra civile!

Messico: Obrador si autoproclama presidente

CITTA' DEL MESSICO - Come era nelle attese, il leader della sinistra messicana uscito sconfitto alle presidenziali del 2 luglio con appena lo 0,56% si e' autoproclamato "presidente legittimo".

Manuel Lopez Obrador ha portato nella piazza dello Zocalo, a citta' del Messico, centinaia di migliaia di sostenitori, che hanno dichiarato "illegittimo" il governo del conservatore Felipe Calderon. Il Paese e' spaccato a meta', dopo la recente vittoria sul filo del rasoio ottenuta dalla destra. (Agr)

sito
corriere della sera